in

Auto elettriche con maggiore autonomia: top 2023

Auto elettriche con maggiore autonomia

Le auto elettriche sono diventate un punto di non ritorno nel settore automobilistico, quindi è normale che sempre più di loro siano interessati a questo tipo di mobilità, soprattutto ad auto elettriche con maggiore autonomia. Tuttavia, ci sono diversi fattori che possono tirarti indietro quando si acquista un’auto elettrica, come l’autonomia, il tempo di ricarica o l’infrastruttura a livello nazionale per poterla rifornire se intraprendiamo un viaggio.

Ma non temere più, visto che gli elettrici stanno facendo passi da gigante e te lo dimostriamo con questa guida composta dalle 20 auto elettriche con maggiore autonomia sul mercato nel 2023.

Per svilupparla ci siamo basati su criteri di segmento e autonomia, comprendendo ogni auto nel settore che gli spetta indipendentemente dal fatto che abbia più autonomia di una di segmento superiore.

Andrà in sintonia anche con questa guida con le migliori auto elettriche sul mercato, che ti aiuterà anche a scegliere la tua auto ideale.

Dai un’occhiata anche alle migliori auto di quest’anno, con il miglior rapporto qualità/prezzo

Quindi, senza ulteriori indugi, analizzeremo le auto elettriche con maggiore autonomia sul mercato nel 2023, la cui gamma sarà condizionata dall’approccio che ogni marchio dà al veicolo stesso.

In altre parole, le auto urbane saranno soggette a un’autonomia più contenuta, poiché non faremo 300 chilometri nella vita di tutti i giorni; mentre le berline o i SUV di grandi dimensioni avranno una maggiore capacità a causa del loro peso e aerodinamica e del loro chiaro approccio per i lunghi viaggi.

Auto elettriche con maggiore autonomia: Utilitari e SUV urbani

Il concetto di SUV non solo è entrato nel settore delle auto elettriche, ma è anche una realtà quando si tratta di coprire gli spostamenti, fondamentalmente urbani. Non suona assurdo se si considera che in termini di dimensioni non differiscono troppo da un utilitario all’uso e abbiamo, inoltre, una maggiore visibilità. Le auto urbane pure e dure, tuttavia, sono ancora presenti, e anche la mobilità elettrica le ha prese il sopravvento.

Questo perché modelli come l’Opel Corsa-e elettrica, qui presente, ha un’autonomia massima di 337 chilometri secondo il ciclo WLTP. Da notare anche la MG ZS EV, una variante elettrica del SUV inglese che dichiara 320 chilometri di autonomia secondo anche il ciclo di omologazione WLTP.

Fiat 500e Cabrio elettrica

La Fiat 500e Cabrio si pone come la versione decappottabile della rinnovata 500, un’auto che si lascia alle spalle il suo status di veicolo a combustione per diventare un 100% elettrico. Tuttavia, l’utilitaria italiana non perde la sua essenza e continua a presentare il suo solito carisma.

La Fiat 500e Cabrio arriva come la versione decappottabile dell’illustre Fiat 500, ora trasformata in un’auto elettrica. Così, è possibile godere a cielo aperto del silenzio caratteristico di questo tipo di motori e senza emettere un solo granello di CO2. Il design rimane fedele ai suoi principi e abbiamo una generosa autonomia, anche se vacilla in alcune impostazioni interne.

La Fiat 500e Cabrio elettrica ha una valutazione superiore alla Citroën AMI elettrica secondo i nostri esperti nonostante il suo prezzo di mercato.

PRO
Design raggiunto, prestazioni, autonomia

CONTRO
Alcune regolazioni dell’interno

Kia e-Soul elettrica

Estetica personale, buona capacità interiore e attrezzature complete sono le sue virtù. Anche l’autonomia è buona. Sia Kia e-Soul elettrico che Opel Mokka-e elettrico appartengono alla stessa categoria SUV Mini, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente anche se con evidenti differenze estetiche, livelli di finitura e/o motorizzazioni.

PRO
Costo di utilizzo, design, garanzia, due meccaniche, autonomia

CONTRO
Prezzi senza aiuti, assenza di opzioni

Honda e

La Honda e è una piccola auto elettrica che mira a raggiungere il grande pubblico con un’immagine innovativa e simpatica e un prezzo non troppo alto. La sua virtù principale è la sua perfetta performance urbana e il suo design attraente, mentre la sua limitazione principale è un’autonomia piuttosto limitata che lo condanna a circolare sempre in città.

Secondo la valutazione dei nostri esperti, la Honda e è leggermente superiore alla Citroën AMI elettrica, cosa che vediamo anche riflessa in un prezzo più alto.

PRO
Qualità, design personale, attrezzature, prestazioni

CONTRO
Autonomia, prezzo elevato, specchietti retrovisori per schermo

Opel Mokka-e elettrica

L’opzione elettrica più elegante della gamma Opel è anche una di quelle più parlate negli ultimi per il suo design, motore di buone prestazioni condiviso con le Peugeot e-2008 e DS3 Crossback E-Tense, e una dotazione molto estesa di serie dal più semplice Anche se il prezzo dell’Opel Mokka-e elettrica è leggermente superiore a quello dell’Opel Mokka, anche la sua valutazione complessiva è superiore, quindi i nostri esperti la valutano in modo superiore.

PRO
Design, attrezzature di serie, prestazioni

CONTRO
Autonomia sensibile all’uso, prezzo un po’ alto, dettagli di finitura

Hyundai Kona elettrica

La Hyundai Kona EV, la versione elettrica della Kona, ha un potente motore da 204 CV, batterie fino a 64 kWh che gli danno un’autonomia record fino a 486 km WLTP (realistico). Questo lo rende un’auto urbana di dimensioni compatte che è anche adatta a viaggi ragionevolmente lunghi. Supportata da un punto di ricarica intermedio, questa macchina può andare da Madrid a qualsiasi punto della Spagna senza problemi.

Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento SUV Mini troverà nell’Opel Crossland un’alternativa alla Hyundai Kona elettrica, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Autonomia elevata, prestazioni impressionanti

CONTRO
Prezzo elevato, come qualsiasi elettrico

Compatti con maggiore autonomia

Nonostante il forte boom che i SUV stanno vivendo, i compatti si presentano come un segmento molto da considerare, soprattutto per scommettere su una meccanica elettrica. Le loro dimensioni li rendono l’auto ideale per affrontare la città e l’autostrada, diventando così un tutto in uno molto interessante.

Prova inconfutabile di questo sono modelli come la Citroën ë-C4, una variante 100% elettrica della compatta francese che, secondo il ciclo WLTP, può percorrere fino a 352 chilometri. Un altro buon esempio di compatta elettrica è la Nissan Leaf, che promette un’autonomia di 385 chilometri.

Volkswagen ID.3

L’ID3 è la prima auto 100% elettrica di Volkswagen e progettata come tale. È un po’ più piccolo di una Golf, ma offre ancora più spazio interno grazie alla sua architettura in cui non c’è motore termico, cambio o altro che occupa troppo spazio, tranne le batterie sul fondo dell’auto. Pretende di essere “l’elettrico accessibile”, con 5 posti, un buon bagagliaio e opzioni di autonomia di oltre 500 km. Quello che è senza dubbio uno degli elettrici del momento lo è per qualcosa: nonostante i suoi difetti, la realtà è che l’ID.3 è un’auto elettrica molto attraente a causa delle sue qualità di auto elettrica: efficiente, prestazionale al punto di essere anche divertente da guidare, molto equipaggiata tecnologicamente e con la capacità di caricarsi abbastanza rapidamente.

Tra i modelli più popolari del segmento troviamo la Volkswagen ID.3, anche se l’Opel Astra è anche una delle opzioni più apprezzate.

PRO
Prestazioni, gamma di utilizzo, attrezzature

CONTRO
Prezzo elevato, tempo di ricarica, finiture povere

Cupra Born

Il CUPRA Born si posiziona come il primo veicolo elettrico al 100% dell’azienda spagnola. Si rivolge alla piattaforma modulare MEB del Gruppo Volkswagen e si differenzia per un’estetica più aggressiva, interni di qualità superiore e una messa a punto più sportiva.

Il CUPRA Born sbarca sul mercato come un’opzione elettrica molto interessante grazie al suo buon rapporto qualità-prezzo, che sorprende quando viene da un marchio premium come CUPRA. Tuttavia, è molto semplice sfruttare il Piano Moves per godere di un succulento risparmio e ottenere un prezzo finale per il Born ancora più attraente.

La sua messa a punto più piccante e le migliori qualità interne che anche alcuni degli altri modelli che ricorrono anche alla piattaforma MEB lo rendono un’opzione molto interessante. Abbiamo anche motori sia da 150 CV che da 204, e questi ultimi hanno un sistema e-Boost addestrato per offrire 231 CV quando abbiamo la massima potenza.

Anche se la Cupra Born ha un prezzo inferiore a quello dell’Audi A3 Hybrid, i nostri esperti valutano superiormente l’Audi A3 Hybrid.

PRO
Rapporto qualità-prezzo, finiture interne, messa a punto

CONTRO
Assenza di pulsanti fisici, interni troppo minimalisti

Nissan Leaf elettrica

La Nissan Leaf è il decano delle auto elettriche al 100%. La sua attuale generazione offre un’autonomia massima fino a 385 km WLTP (realistico) grazie alla sua batteria da 62 kWh, anche se può equipaggiare batterie più piccole con un prezzo più stretto. Il formato dell’auto è un po’ strano, ma è pratico, comodo e silenzioso.

L’auto elettrica per eccellenza del secondo decennio degli anni 2000 è stata ora superata da molti dei suoi rivali perché la sua seconda generazione è, in realtà, un profondo restyling della prima Nissan Leaf, mantenendo uno dei suoi principali handicap: il raffreddamento ad aria del suo pacchetto di batterie.

La Nissan Leaf elettrica, più economica dell’Opel Astra, è uno dei modelli più popolari della sua categoria.

PRO

Silenzio di marcia, spazio interno, autonomia, attrezzature

CONTRO
Qualità di alcune materie plastiche, prezzo senza aiuti, tempo di ricarica

Citroën ë-C4 elettrica

La Citroën C4 ritorna dopo diversi anni di assenza con una carrozzeria a cinque porte con alcuni dettagli di ispirazione crossover, tra cui una maggiore altezza libera a terra e alcune protezioni di plastica. La sua meccanica elettrica offre 136 CV alimentati da 50 kWh di batteria.

La variante elettrica della compatta francese è una buona alternativa per coloro che cercano di fare il salto alla nuova mobilità con un veicolo che, pur conservando uno stile originale e personale, non è particolarmente sorprendente per essere un veicolo elettrico, quindi non si distingue dai suoi fratelli di gamma con motore termico.

Sia Citroën ë-C4 elettrico che Opel Astra ibrido appartengono alla stessa categoria Compact, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente anche se con evidenti differenze estetiche, livelli di finitura e/o motorizzazioni.

PRO
Design, versatilità

CONTRO
Dettagli di finitura

SUV con maggiore autonomia

I SUV si candidano come una delle opzioni preferite sul mercato, e nel caso degli elettrici non sarebbe stato diverso. Considerando questo aspetto, ci sono molti marchi che hanno deciso di scommettere su questa carrozzeria per concepire i loro germogli elettrici. In questo modo, è estremamente semplice trovare SUV elettrici in ogni categoria che compongono il segmento, dai generalisti al premium.

In questo modo, è possibile optare per modelli come la BMW iX3, che può coprire un totale di 458 chilometri. Sottolinea anche la Mercedes-Benz EQA, che può percorrere 424 chilometri secondo il ciclo di omologazione WLTP.

BMW iX3

La BMW iX3 è la versione 100% elettrica della BMW X3. Ci è voluto molto tempo per arrivare, ma grazie al lavoro svolto dal marchio, è un’ottima opzione all’interno del segmento dei SUV medi elettrici, godendo anche dell’etichetta DGT ZERO. Se sei interessato puoi dare un’occhiata a tutte le informazioni sulla BMW iX3 elettrica

Pertanto, l’iX3 rappresenta l’opzione elettrica di BMW all’interno del mercato dei D-SUV, offrendo un’autonomia elettrica più che notevole che, senza dubbio, è uno dei suoi punti di forza. Come in tutte le auto elettriche, la fluidità di guida è fuori di ogni dubbio, qualcosa che viene amplificato in un modello di marca premium che offre anche molto equipaggiamento e spazio interno.

Se vuoi analizzare più nel dettaglio le differenze e le somiglianze tra la BMW iX3 elettrica e la Range Rover Evoque , puoi farlo nel confronto diretto di entrambi i modelli. Il cliente che desidera acquistare un veicolo nel segmento dei SUV compatti Premium troverà nella Range Rover Evoque un’alternativa alla BMW iX3 elettrica, che consideriamo la sua rivale più chiara.

PRO

Design, dotazioni di serie, gamma elettrica

CONTRO

Prezzo, solo trazione posteriore

Kia EV6 elettrica

L’EV6 è un’auto elettrica spettacolare che l’azienda sudcoreana commercializzerà solo con questo tipo di meccanica. Si distingue per il suo design futuristico e per gli interni spaziosi, anche se proprio quelle linee esterne molto personali potrebbero non piacere a tutti gli utenti. Scopri tutte le caratteristiche della Kia EV6 elettrica

Se vuoi analizzare più nel dettaglio le differenze e le somiglianze tra Kia EV6 elettrica e Peugeot 5008 , puoi farlo nel confronto diretto di entrambi i modelli. Sia la Kia EV6 elettrica che la Peugeot 5008 appartengono alla stessa categoria Large SUV, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente seppur con evidenti differenze estetiche, allestimenti e/o motorizzazioni.

PRO

Alta autonomia, motori potenti, design rischioso

CONTRO

Prezzi un po’ alti, dettagli di finitura, design rischioso

Lexus UX300e

La prima Lexus elettrica prodotta in serie si è rivelata un SUV compatto che racchiude tutto il buon know-how di Lexus condensato in una carrozzeria di medie dimensioni alimentato da un impianto elettrico con 204 CV di potenza e un’autonomia reale di circa 250 km. consulta qui tutti i dati della Lexus UX300e elettrica

La Lexus UX300e è un C-SUV 100% elettrico dotato di un sistema di propulsione da 204 CV che gli consente di offrire prestazioni sufficienti per l’uso quotidiano, rappresentando un’ottima opzione per gli utenti più esigenti in termini di design, qualità delle finiture o tecnologia di sicurezza, anche se il suo spazio interno non è dei migliori

Confronta i punti salienti della Lexus UX300e elettrica e della Mercedes GLA nel confronto diretto che ti offriamo. Il cliente che desidera acquistare un veicolo nel segmento dei SUV Compatti Premium troverà nella Mercedes GLA un’alternativa alla Lexus UX300e elettrica, che consideriamo la sua rivale più chiara

PRO

Design, qualità, guida fluida

CONTRO

Prestazioni elettriche, autonomia, prezzo

Volvo C40 Recharge

Volvo continua a scommettere molto sulle auto elettriche e la prova di ciò è la nuova Volvo C40 Recharge. Nonostante condivida numerosi elementi con il fratello della gamma, la XC40, la C40 è postulata come la prima auto elettrica del marchio prodotta da zero. Se sei interessato puoi dare un’occhiata a tutte le informazioni sulla Volvo C40 Recharge elettrica

La Volvo C40 Recharge arriva come il primo modello 100% elettrico dell’azienda svedese concepito da zero. Ora troviamo un design da coupé più sportivo, con le qualità a cui il marchio ci ha abituato e prestazioni più che sufficienti, anche se ci manca un’estetica più differenziata della XC40, soprattutto considerando che entrambi sono, presumibilmente, modelli diversi.

Come se non bastasse, puoi dare un’occhiata al confronto tra la Volvo C40 Recharge elettrica e la Volvo XC40 per vedere quali sono i punti chiave di ogni modello. Sia la Volvo C40 Recharge elettrica che la Volvo XC40 appartengono alla stessa categoria dei SUV Compatti Premium, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente anche se con evidenti differenze estetiche, allestimenti e/o motorizzazioni.

PRO

Design, qualità, vantaggi

CONTRO

Tecnologia un po’ indietro rispetto alla concorrenza, poca differenziazione con la XC40 pur essendo “un altro modello”

Aiways U5 elettrico

L’Aiways U5 si stabilisce come un altro responsabile della valanga di auto cinesi in Spagna, solo in formato elettrico e con un prezzo difficile da superare.

L’Aiways U5 è un SUV elettrico proveniente dalla Cina che ha molte schede per avere successo. Perché? Per qualità più che decenti, un ottimo rapporto qualità-prezzo e un alto carico tecnologico. Il suo problema principale sta in una vera autonomia un po’ giusta per osare fare viaggi in autostrada.

Secondo la valutazione dei nostri esperti, l’Aiways U5 elettrico è leggermente superiore all’Opel Grandland, qualcosa che vediamo anche riflesso in un prezzo più alto.

PRO
Qualità decenti, rapporto qualità prezzo, tecnologia

CONTRO
Autonomia fuori città un po’ giusta

Berline con maggiore autonomia

Ultimo ma non meno importante, le berline. Questo tipo di segmento ha sofferto la rabbia di altri senza pietà nignuna, cercando di lasciarlo relegato e picchiato. Tuttavia, continuano ad essere accolti sul mercato, motivo per cui è possibile acquistare una berlina elettrica al 100% e godere ugualmente delle bellezze offerte da questo segmento.

Una buona opzione è l’Audi e-tron GT nonostante sia un nuovo arrivato, un modello che, nella sua variante più modesta, assicura un’autonomia di 487 chilometri. In un formato più compatto – solo carrozzeria – troviamo anche la Tesla Model 3, un modello che promette un’autonomia fino a 580 chilometri.

Tesla Model S elettrica

La Tesla Model S è la batteria elettrica con la maggiore autonomia in vendita in Spagna. Ha una potenza di 1.020 CV, trazione integrale, la più grande accelerazione sul mercato e un’autonomia fino a 600 km WLTP (realistico) grazie a una gigantesca batteria da 100 kWh.

La Tesla Model S elettrica è un’opzione all’interno delle marche premium, anche se se stai cercando un veicolo di questa classe, puoi anche optare per la Lexus ES ibrida.

PRO
Prestazioni di vertigini, silenzio di marcia, esclusività, estetica differenziata
CONTRO

Dettagli di finitura, design interno un po’ forzato dallo schermo

Audi e-tron GT elettrica

L’Audi e-tron GT si afferma come la seconda auto 100% elettrica del marchio. Nonostante la condivisione sia della piattaforma che della meccanica con la Porsche Taycan, Audi è riuscita a dotarla della propria personalità, diventando così un portento di lusso, sportività ed efficienza.

L’Audi e-tron GT arriva come la berlina elettrica di Audi e pronta a segnare un prima e un dopo nel marchio. Il suo design innovativo, le sue prestazioni e la sua autonomia lo rendono una scommessa sicura, anche se finché possiamo affrontare l’esborso che comporta.

L’Audi e-tron GT elettrica è un’opzione all’interno delle marche premium, anche se se stai cercando un veicolo di questa classe, puoi anche optare per l’Audi RS4 Avant.

PRO
Autonomia, design innovativo, prestazioni

CONTRO
Abitabilità interna, alcune finiture

Porsche Taycan elettrica

La Porsche Taycan è la prima auto elettrica pura prodotta da Porsche. Si tratta di una supercar di dimensioni leggermente inferiori a quelle di suo fratello Panamera e con prestazioni ancora superiori, a partire da due motori elettrici accoppiati ad due assi. La sua accelerazione di 0-100 km/h in 2,8 secondi è una prova eloquente di ciò che questo silenzioso missile terra-terra è in grado di fare.

Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento Berlina Deportiva tra 50.000 e 100.000 € troverà nell’Audi SQ7 un’alternativa alla Porsche Taycan elettrica, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Prestazioni, tecnologia, solidità generale

CONTRO
Prezzo irraggiungibile per il comune dei mortali

Toyota Mirai

La Toyota Mirai è una delle scommesse più forti di Toyota grazie al suo sistema meccanico alimentato a idrogeno. Anche se è un’opzione al momento poco plausibile in Spagna, la verità è che ha numerose virtù disposte ad aprire la strada verso una nuova mobilità.

Sia Toyota Mirai che Opel Insignia Grand Sport appartengono alla stessa categoria Berlina, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente anche se con evidenti differenze estetiche, livelli di finitura e/o motorizzazioni.

PRO
Tempo di carica dell’idrogeno, comfort di guida

CONTRO

Prezzo elevato, uso estremamente limitato, poco feedback ai vostri comandi

BMW i4 elettrica

La BMW i4 si afferma come la prima berlina elettrica al 100% del marchio, raccogliendo così l’eredità dei precedenti modelli i di BMW. Ora abbiamo un design ispirato alla nuova Serie 4, così come buone prestazioni e una notevole autonomia.

La BMW i4 è la prima berlina 100% elettrica di BMW, segnando così un punto di svolta nel marchio. A sua volta, ci siamo imbattuti in buone prestazioni, in una generosa autonomia e in qualità degne di un veicolo del suo prezzo. Si soffre solo di un design frontale che non deve piacere a tutti e di un’abitabilità migliorabile.

Sia la BMW i4 elettrica che l’Audi SQ7 appartengono a marchi premium, abbiamo un livello di finiture garantito.

PRO
Autonomia, qualità interne, prestazioni

CONTRO
Design curioso, spazio per la testa nei posti posteriori

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Auto ibride plug-in

Auto ibride plug-in: il meglio del 2023

Auto ibride con etichetta ECO: top 2023