in

Come funziona il carburatore all’interno del sistema di alimentazione?

Il carburatore è responsabile della miscelazione di benzina e aria insieme nella giusta quantità e di ottenere quella miscela nei cilindri. Sebbene non si trovino nelle auto nuove, i carburatori hanno fornito carburante ai motori di ogni veicolo, dalle leggendarie auto da corsa alle auto di lusso di fascia alta.

Sono stati utilizzati nella NASCAR fino al 2012 e molti appassionati di auto d’epoca utilizzano veicoli a carburatore ogni giorno. Con così tanti fan sfegatati, i carburatori devono offrire qualcosa di speciale a chi ama le auto.

Come funziona un carburatore?

Un carburatore si basa sulla depressione creata dal motore per aspirare aria e carburante nei cilindri. Questo sistema è stato utilizzato per così tanto tempo a causa della semplicità dietro di esso. L’ acceleratore può aprirsi e chiudersi, consentendo a più o meno aria di entrare nel motore.

Quest’aria si muove attraverso una stretta apertura chiamata venturi . Il vuoto è il risultato del flusso d’aria necessario per mantenere il motore acceso.

Per avere un’idea di come funziona un venturi, immagina un fiume che scorre normalmente. Questo fiume si muove a un ritmo costante e la profondità è molto costante per l’intera lunghezza. Se c’è una sezione stretta in questo fiume, l’acqua dovrà accelerare affinché lo stesso volume passi alla stessa profondità. Una volta che il fiume ritorna alla larghezza originale dopo il collo di bottiglia, l’acqua cercherà comunque di mantenere la stessa velocità. Questo fa sì che l’acqua ad alta velocità sul lato opposto del collo di bottiglia tira l’acqua che si avvicina al collo di bottiglia, creando un vuoto.

Grazie al venturi, c’è abbastanza vuoto all’interno di un carburatore perché l’aria che lo attraversa aspiri costantemente il gas dal getto . Trovato all’interno del venturi, il getto è un’apertura in cui il carburante dalla camera del galleggiante può mescolarsi con l’aria prima di entrare nei cilindri. La camera del galleggiante contiene una piccola quantità di carburante, come un serbatoio, e consente al carburante di fluire facilmente al getto quando è necessario. Quando l’acceleratore si apre, più aria viene aspirata nel motore, portando con sé più carburante, il che fa sì che il motore crei più potenza.

Il problema principale di questo design è il fatto che l’acceleratore deve essere aperto affinché il motore possa ottenere carburante. L’acceleratore è chiuso al minimo, quindi un getto del minimo consente a una piccola quantità di carburante di entrare nei cilindri per evitare che il motore si spenga. Altri piccoli problemi includono il vapore di carburante in eccesso che fuoriesce dalle camere del galleggiante.

Nel sistema di alimentazione

I carburatori sono stati realizzati in una serie di forme e dimensioni nel corso degli anni. I motori piccoli possono utilizzare solo un singolo carburatore con un singolo getto per ottenere carburante nel motore, mentre i motori più grandi possono utilizzare fino a dodici getti per rimanere in movimento. Il tubo contenente il venturi e il getto è chiamato barile , sebbene questo termine venga solitamente utilizzato solo quando si fa riferimento a carburatori a più barili .

I carburatori multi-barile erano un grande punto di forza per le auto in passato, con opzioni come configurazioni a 4 o 6 barili. Più barili significavano che più aria e carburante potevano entrare nei cilindri. Alcuni motori utilizzavano anche più carburatori.

Le auto sportive spesso venivano dalla fabbrica con un carburatore per cilindro, con grande sgomento dei loro meccanici. Questi avrebbero dovuto essere tutti regolati individualmente e le centrali energetiche (di solito italiane) erano particolarmente sensibili a eventuali imperfezioni nella messa a punto. Avevano anche la tendenza a dover essere sintonizzati abbastanza spesso. Questo è uno dei motivi principali per cui l’iniezione di carburante è stata resa popolare per la prima volta dalle auto sportive.

Dove sono finiti tutti i carburatori?

Dagli anni ’80, i produttori hanno gradualmente eliminato i carburatori a favore dell’iniezione di carburante. Entrambi fanno lo stesso lavoro, ma i complessi motori moderni si sono semplicemente evoluti rispetto ai carburatori passati e l’iniezione di carburante molto più precisa (e programmabile) ha preso il sopravvento. Ci sono alcuni motivi per questo:

  • L’iniezione di carburante può erogare carburante direttamente nel cilindro, anche se a volte viene utilizzato un corpo farfallato per consentire a uno o due iniettori di erogare carburante a più cilindri.
  • Il minimo è complicato con un carburatore, ma è molto semplice per gli iniettori di carburante. Questo perché un sistema di iniezione del carburante può semplicemente aggiungere una piccola quantità di carburante a un motore per mantenerlo in funzione, ma un carburatore ha l’acceleratore chiuso al minimo. È necessario un getto del minimo per evitare che un motore a carburatore si spenga con l’acceleratore chiuso.
  • L’iniezione di carburante è più precisa e spreca meno carburante. Anche per questo motivo c’è meno vapore di gas con l’iniezione di carburante, quindi ci sono meno possibilità di incendio.

Nonostante siano obsoleti, i carburatori sono una parte importante della storia automobilistica e funzionano in modo puramente meccanico e intelligente. Lavorando con motori a carburatore, gli appassionati possono acquisire una conoscenza pratica di come l’aria e il carburante vengono introdotti in un motore per essere acceso e mantenere tutto in movimento.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Perché non posso rabboccare il mio serbatoio?

Pompa del carburante difettosa o guasta

Quanto dura un iniettore di carburante?