in

Honda Monkey 2024: tutto ciò che c’è da sapere

Honda Monkey 2024: tutto ciò che c’è da sapere

La Honda Monkey è un’autentica perla nel mondo delle due ruote, in grado di evocare un sentimento nostalgico in chiunque la incontri. Questa mini motocicletta è diventata un’icona nel corso dei decenni, grazie al suo design unico e alla sua estrema divertente guidabilità.

Non solo regala emozioni a chi la utilizza, ma anche a chiunque la osservi passare. La Honda Monkey rappresenta una delle sfide più innovative e peculiari del mercato motociclistico, e che tu la immagini come un veicolo urbano funky, un giocattolo per grandi o magari una moto da fuoristrada, una cosa è certa: sorprenderà con il suo approccio semplice ed essenziale.

La Honda Monkey rappresenta un’incredibile testimonianza di come non sia necessario possedere una moto dotata di un motore ad alte prestazioni, sospensioni altamente regolabili e una quantità di componenti elettronici che sfugge alla nostra contea, per poter godere appieno del piacere di guidare su due ruote.

In molti modi, la Monkey è ciò che di più autenticamente rappresenta il concetto di “moto”. Essendo una delle linee di moto Honda in circolazione da più tempo, la sua ultima versione del 2024 è ormai alle porte. Scopriamo insieme la sua storia, la sua evoluzione e la sua attuale posizione nel panorama motociclistico.

Le autentiche motociclette da 49 cc della linea Monkey

Nel corso degli anni, la Honda Monkey è diventata una vera e propria icona nel mondo delle due ruote. Tuttavia, la sua storia ha inizio in maniera molto diversa rispetto al marchio di successo che conosciamo oggi. Se torniamo indietro nel tempo, possiamo scoprire le origini della Monkey presso il Tama Tech Park di Tokyo, una struttura di proprietà Honda, dove il pubblico ebbe il privilegio di ammirare in anteprima la prima generazione di questa incredibile motocicletta, battezzata Z100.

La Z100, caratterizzata da un telaio rosso e un serbatoio del carburante bianco, presentava uno stile unico, caratterizzato da forme squadrare e un sedile ampio e confortevole. Gli appassionati che ebbero la fortuna di provarla descrissero la posizione di guida come simile a quella di una scimmia, da qui il soprannome che ancora oggi accompagna questa meraviglia della meccanica.

Sin dalla sua nascita, la Honda Monkey ha catturato l’immaginazione di milioni di motociclisti in tutto il mondo. Nonostante sia stata concepita come una moto per scopi “divertenti” e non come un veicolo di produzione di massa, la Monkey ha aperto la strada a nuove tendenze nel settore delle due ruote, diventando una vera e propria icona di stile e performance.

Oggi, la linea delle autentiche Monkey Bike prosegue la tradizione di eccellenza e innovazione inaugurata dalla Z100 di prima generazione. Grazie a caratteristiche come una potente cilindrata da 49 cc, un design accattivante e una guida agile e avvincente, queste motociclette sono l’incarnazione della passione e della libertà su due ruote.

Sia che ti avventuri tra le strade cittadine o ti immerga nella natura selvaggia, la nostra gamma di Monkey Bike è pronta a soddisfare ogni tua esigenza di avventura su due ruote. Scegli la tua compagna di viaggio tra i nostri modelli, lasciati travolgere dall’emozione e scopri il vero significato di libertà sulla strada.

La Z100 ha raggiunto un livello di popolarità straordinario presso il Tama Tech Park, tanto da spingere Honda a lanciarla come moto di produzione. La CZ100 è stata la prima ad essere introdotta, con alcune modifiche all’ergonomia e al design che l’hanno resa idonea alla circolazione stradale. Successivamente è arrivato il modello Z50M, che nel 1967 è stato il primo ad essere esportato in Europa, ricevendo un’accoglienza entusiasta grazie alla sua compattezza e alla sua manutenzione economica. Gli europei da sempre hanno mostrato un’apprezzamento per veicoli più piccoli come automobili e biciclette.

Nel 1968, la serie Z è stata introdotta negli Stati Uniti con un nuovo nome e numerose caratteristiche aggiuntive. Un esempio è la Z50A Mini Trail, che è arrivata con ruote e sospensioni maggiorate (rispetto alla serie precedente), impugnature bianche e un serbatoio del carburante bicolore. Tuttavia, a causa della mancanza di luci e specchietti retrovisori, non era omologata per la circolazione stradale. Questo problema è stato risolto l’anno successivo. La Z50A ha poi subito ulteriori miglioramenti con un nuovo telaio, un sedile più comodo, un serbatoio del carburante più capiente e sospensioni posteriori potenziate. Nel 1979, è stata introdotta la Z50R con un sedile più moderno, manubrio BMX e un serbatoio del carburante migliore. Tuttavia, anche questo modello non era legale per la circolazione stradale a causa dell’assenza di luci.

Risulta chiaro che Honda ha saputo rispondere alle esigenze dei propri clienti, adattando regolarmente i propri modelli per soddisfare le norme stradali e migliorare le prestazioni complessive. La continua evoluzione della serie Z dimostra l’impegno di Honda nell’offrire prodotti di alta qualità che soddisfino le esigenze dei consumatori in tutto il mondo.

La gloriosa storia della Honda Monkey si arricchì nel 1988 con l’introduzione del modello ZB50, caratterizzato da un telaio in alluminio twin-spar e uno scarico upswept, che conferivano alla moto un’estetica sportiva unica nel suo genere. Tuttavia, a causa di un considerevole aumento del prezzo di vendita, la produzione fu interrotta poco dopo. La famosa minibike da 49cc continuò comunque ad essere prodotta in diverse varianti fino al 2017, quando purtroppo terminò un glorioso ciclo di 60 anni.

Tra le varianti più degne di nota si possono citare la Honda Z100, la Honda CZ100, la Honda Z50A, la Honda Z50R e la Honda Baja.

Questi modelli hanno contribuito a consolidare il prestigio della Honda Monkey nel panorama motociclistico, grazie alle loro caratteristiche tecniche e al design unico. La Fiat Belgarda, casa italiana di importazione e distribuzione di modelli Honda, è stata tra le principali sostenitrici di questo marchio, portando il successo della Honda Monkey anche in Europa.

Nonostante la fine della sua produzione nel 2017, la Honda Monkey rimarrà sempre una delle moto più iconiche e amate di sempre, rappresentando un simbolo di divertimento e libertà su due ruote. Sono innumerevoli gli appassionati e i collezionisti che ancora oggi ricordano con affetto e nostalgia queste piccole e affascinanti creature della strada.

Il Marchio Honda Rinfresca il Logo della Moto Scimmia

La vecchia generazione della Honda Monkey, con il suo motore da 49cc, era un divertente mezzo di trasporto. Tuttavia, la sua potenza limitata impediva ai conducenti di godere pienamente delle strade. Ma nel 2019, il problema è stato risolto con l’introduzione della nuova Monkey 125.

La Honda Monkey 125 è stata sviluppata sulla base della popolare Honda Grom, ma ha mantenuto il caratteristico design eccentrico che ha reso famose le scimmie delle generazioni precedenti. Questa volta, però, il motore più potente ha ampliato le possibilità della Monkey, rendendola adatta all’era moderna. La sua performance è stata così migliorata che ha attratto un pubblico ancora più ampio, soprattutto negli Stati Uniti.

Nel complesso, il rinnovamento della Honda Monkey ha dimostrato come un piccolo motore possa fare grandi cose. Ora i conducenti possono godersi le strade con stile, grazie alla combinazione di innovazione e design unico offerta dalla Monkey 125.

La Monkey 125 di prima generazione è stata un notevole avanzamento, ma è rimasta sostanzialmente la stessa fino al 2022, quando ha subito importanti miglioramenti in termini di gestione e guida. La Monkey 1250 2022 ha debuttato con un nuovo motore, una quinta marcia e sospensioni migliorate. Questo ha reso la Honda Monkey ancora più performante che mai: accessibile, piacevole e divertente da guidare. Nonostante il fascino peculiare delle vecchie Monkey, riteniamo che la Honda Monkey 2022 rappresenti la migliore evoluzione di questo modello.

Il moderno monocilindrico SOHC undersquare da 124cc è robusto, efficiente e ottimizzato per l’utilizzo urbano, mentre la nuova quinta marcia e il pignone a 37 denti ne aumentano notevolmente la maneggevolezza per affrontare con facilità le strade cittadine più veloci. L’accelerazione vivace e la struttura rigida del telaio, unita alle forcelle USD, la rendono un’autentica macchina su due ruote, ideale sia per muoversi agilmente nei parcheggi che per sfrecciare sulle piste da go-kart.

Inoltre, la Honda Monkey 2023 ha subito un restyling, con serbatoi dal doppio colore e nuove opzioni cromatiche. Il telaio, le forcelle, il braccio oscillante e gli ammortizzatori posteriori sono stati resi coordinati cromaticamente, e persino la sella è stata rivestita in tartan! Sembra proprio che Honda abbia impiegato gli ultimi anni per perfezionare la Monkey, partendo dall’idea di unire la piattaforma della Grom al design della Monkey, migliorandone le caratteristiche tecniche e perfezionando l’estetica. Pertanto, nel 2023 la Monkey non solo è diventata una motocicletta estremamente performante, ma è anche la più adorabile del suo segmento.

In conclusione, la Honda Monkey 2023 rappresenta un’evoluzione significativa di questo iconico modello, offrendo caratteristiche tecniche di prim’ordine unitamente a un design irresistibile.

La Honda Monkey 2024 si presenta senza aggiornamenti significativi

Nonostante l’anno di modello si sia evoluto da 2023 a 2024, questa adorabile moto rimane immutata. Un nuovo colore Pearl Black è stato introdotto, ma dobbiamo accettare con grande delusione che il vivace Banana Yellow è stato eliminato. È davvero sconcertante constatare che tutte le altre caratteristiche, come le forcelle USD, il telaio e il motore, rimangono identiche. E se ciò non bastasse, il prezzo è aumentato di soli cinquanta dollari, portando il costo a partire dai 4.299 euro. Sembra che il nostro unico compenso per questa mancanza di colore sia quello di sborsare qualche soldo in più.

Sarebbe stato favoloso vedere una Monkey con un’evoluzione di maggior rilievo. Una moto così divertente da guidare merita una potenza maggiore o persino un turbocompressore, per renderla un’autentica esplosione su due ruote. Purtroppo, sembra che tutto ciò rimarrà un sogno per il momento. La Honda Monkey 2024 rimane fedele alla sua essenza di piccola, economica e divertente moto per le masse.

La sua denominazione, “Monkey”, è sia un termine affettuoso che dispregiativo. Ci sono appassionati e detrattori, ma nessuno che abbia mai provato una Monkey può negare il sorriso che essa provoca. Questa è l’essenza della Monkey, e anche se ci aspettiamo miglioramenti significativi ad ogni nuovo anno di modello, la Honda Monkey 2024 ci ricorda che talvolta gli aggiornamenti non portano alcun valore. Invece, continueremo a rimpiangere la mancanza del vivace colore giallo banana fino all’anno prossimo.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
SUV Mercedes-Benz a 60.000 euro: che modelli ci sono?

SUV Mercedes-Benz a 60.000 euro: che modelli ci sono?

Auto elettriche in arrivo nel 2024: la top 5

Auto elettriche in arrivo nel 2024: la top 5