in

La sostituzione della Skoda Fabia sarà un’auto elettrica senza precedenti: primi dati della nuova utility

A poco a poco, il numero di veicoli puramente elettrici sul mercato è in aumento. All’interno della gamma del produttore ceco Skoda, attualmente commercializza il SUV Enyaq e la city car Citigo iV. In quest’ultimo caso con una piattaforma tecnica precedente allo specifico comune per i veicoli elettrici del Gruppo VW –l’architettura MEB-, ha detto Citigo iV scomparirà imminentemente dal catalogo, così che molto presto l’auto più piccola del marchio dell’Europa centrale sarà la Fabia.

Infatti, secondo informazioni non ufficiali a cui Autopista.es ha avuto accesso, il roadbook di Skoda contempla lo sviluppo di un sostituto con tecnologia di propulsione elettrica al cento per cento per la Fabia. La sfida tra i suoi top manager non è facile, dal momento che vogliono commercializzare il veicolo in questione in una fascia di prezzo compresa tra 20.000 e 25.000 euro (rispetto ai 17.160 euro senza sconti come prezzo di partenza dell’attuale combustione Fabia).

All’interno del Gruppo VW, tre dei suoi marchi generalisti, Volkswagen, Cupra e la stessa Skoda hanno già proiettato un veicolo elettrico al cento per cento con un prezzo base inferiore a quei 25.000 euro. Nel caso di Volkswagen, il modello di produzione potrebbe essere indicato come ID.2, mentre in Cupra il nome finale del veicolo dovrebbe essere quello di UrbanRebel.

Nel caso di Skoda, il nome non è stato ancora deciso, anche se fonti vicine al marchio assicurano che il veicolo in questione sostituirà la Fabia dell’attuale catalogo di modelli.

In passato le informazioni pubblicate in Autopista.es vi informiamo del progetto Skoda Elroq come base di un imminente e senza precedenti SUV elettrico di medie dimensioni (più o meno con le stesse dimensioni dell’Attuale Combustione Karoq). Per quanto riguarda l’utilitaria del segmento B, insistiamo, non esiste ancora una denominazione definitiva, ma possiamo dirvi che si baserà su una piattaforma evoluta dell’attuale architettura MEB del Gruppo VW.

Questa piattaforma, secondo i rapporti interni dell’azienda ceca, sarà una versione ridotta o più piccola della piattaforma MEB sviluppata appositamente per i veicoli a trazione anteriore (l’architettura MEB originale è stata concepita per le auto elettriche a trazione posteriore e a trazione integrale).

La capacità della batteria nel nuovo e senza precedenti veicolo elettrico di Skoda potrebbe essere limitata dalle dimensioni dell’auto ma, in cambio, potrebbe beneficiare di un accumulatore di energia che potrebbe supportare una potenza di ricarica massima di 200 kW, rispetto agli attuali 135 kW massimi di una Volkswagen ID.3. Per questo motivo, si prevede che la carica all’80 percento della batteria potrebbe essere ridotta a una manciata di minuti (in circa 20 minuti).

Attualmente, la sfida più grande è il costo dei veicoli elettrici, soprattutto quando si tratta di produrre un’auto delle dimensioni della Fabia. Dobbiamo essere pazienti”, ha dichiarato di recente Klaus Zellmer, CEO di Skoda. Questo esecutivo implica che anche l’alto costo di produzione, in particolare a causa di quello delle batterie, sta ancora ostacolando lo sviluppo di veicoli elettrici a prezzi accessibili.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Tutti i vantaggi offerti dal trasporto auto con bisarca

BMW M5 2024: tutti i segreti della nuova generazione della berlina supersportiva