La velocità “sostiene” l’attenzione, altro che Tutor autostradale!

Sulle nostre autostrade è sempre più facile imbattersi nei temuti tralicci che ospitano il sistema che ci sorveglia in autostrada, il tutor. Il consiglio oltre che per la sicurezza personale e collettiva è quello di guidare secondo il codice e rispettare i limiti, se non si vuole rischiare di perdere punti e patente.

Ma uno studio rivela che di notte, soprattutto sulle autostrade a tre o quattro corsie, mantenere un’andatura sotto il limite dei 130 km/h è più pericoloso che oltrepassare il limite di velocità. Questa conclusione, che sembra essere un controsenso, in realtà è dettata semplicemente dal fatto che durante le ore notturne l’attenzione media tende a diminuire e guidare a bassi regimi aumenta il rischio d’incidente.

Questo non vuole essere un’invito ad intraprendere gare senza regole sulle autostrade, ma secondo i risultati dello studio, a mantenere un’andatura sostenuta, anche oltre i limiti, stimola l’attenzione in modo molto più convincente.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Abarth presenta una R3T Rally per il monomarca 500

Piaggio: presenta la city car concept NT3