in

NIU anticipa la presentazione di un nuovo veicolo elettrico all’EICMA di Milano, quale sarà?

NIU anticipa la presentazione di un nuovo veicolo elettrico all’EICMA di Milano, quale sarà?

NIU ha annunciato l’ampliamento del proprio portafoglio di mobilità urbana e approfitterà del più importante evento sulle due ruote in Europa per metterlo in mostra: “Abbiamo molto da mostrare a EICMA 2021”.

L’annuncio della NIU , accompagnato da un’immagine con la scritta “The next evo-lution of NIU” (la prossima evoluzione della NIU) e le date di celebrazione della prossima EICMA 2021 a Milano (23-28 novembre) sono l’unico indizio che il produttore cinese ha offerto sul suo prossimo veicolo elettrico . Secondo lui, NIU si sta preparando per l’ampliamento della sua gamma urbana e approfitterà del più importante evento delle due ruote in Europa per mostrare il risultato: una moto, un triciclo, un altro scooter ?

NIU ha attualmente una delle più ampie gamme di modelli elettrici sul mercato. Dagli scooter elettrici urbani a bassa velocità ai modelli che raggiungono i 70 km/h . Quest’anno NIU ha anche diversificato il suo prodotto con il suo primo scooter elettrico , il Kick Scooter , che sarà commercializzato in Europa. Ha anche osato con una bicicletta elettrica , la NIU Aero EUB-01 , una versione accorciata di un ciclomotore per adattarla alle normative EPAC e poterla guidare senza assicurazione o immatricolazione.

In questo panorama così variegato, cosa potrebbe preparare la NIU per la sua presentazione a EICMA 2021 a Milano? Sul suo sito web, NIU ha pubblicato un messaggio ai suoi fan: “Quest’anno a EICMA continuiamo ad espandere il nostro portafoglio di mobilità urbana, soddisfacendo le esigenze di una più ampia gamma di viaggiatori urbani. Dai nostri veicoli ad alte prestazioni alle nostre soluzioni di micromobilità, abbiamo molto da mostrare al più grande evento europeo sulle due ruote”.

Gli indizi per ora sono alquanto vaghi, sebbene suggeriscano che si tratti della presentazione di un nuovo veicolo destinato alla circolazione su strade urbane che amplierà il proprio portafoglio ai clienti che attualmente non trovano un prodotto adatto alle proprie esigenze tra quelli esistenti. Tenendo conto che il suo catalogo copre già i veicoli che possono muoversi a 25 km/h fino a quelli che possono raggiungere i 70 km/h, lo spazio di espansione all’interno di questa forcella sembra limitato.

Una delle possibilità sarebbe la presentazione della  RQi-GT , una moto elettrica  pensata per soddisfare le esigenze della mobilità urbana e spingersi anche un po’ oltre. Presentato al CES 2020 di Las Vegas, avrebbe una potenza fino a 30 kW, una velocità massima che può raggiungere i 160 km/h. Inoltre, le sue due batterie rimovibili da 6,5 ​​kWh offrirebbero fino a 130 chilometri di autonomia.

Un’altra possibilità è che sia stato il triciclo elettrico TQI-GT , presentato anche al CES 2020, che può essere considerato la logica evoluzione degli scooter elettrici, facilitando la maneggevolezza in modo che chiunque, anche senza esperienza nella guida di questo tipo di veicolo, possa adattarsi ad esso . NIU afferma che rivoluzionerà il futuro e aprirà la strada a una nuova categoria di veicoli, che si adatterebbe al messaggio dell’annuncio di soddisfare una vasta gamma di clienti. Offre  bilanciamento automatico e altre tecnologie anch’esse incluse di serie come alcune funzioni di guida autonoma o  il parcheggio automatico . Il TQi-GT può raggiungere una velocità massima fino a 80 km/he  offrire un’autonomia  di 241 chilometri  con ogni ricarica della batteria.

La presentazione della NIU all’EICMA è prevista per il 24 novembre alle 13:40 (CET). L’evento può essere seguito online attraverso questo link .

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Un nuovo studio sull’affidabilità colloca le auto elettriche Tesla al penultimo posto

Un nuovo studio sull’affidabilità colloca le auto elettriche Tesla al penultimo posto

Morgan Stanley paragona la fabbrica di Berlino di Tesla alla catena di montaggio di Henry Ford

Morgan Stanley paragona la fabbrica di Berlino di Tesla alla catena di montaggio di Henry Ford