in

Posso caricare la mia auto elettrica non Tesla utilizzando un connettore a muro Tesla?

Posso caricare la mia auto elettrica non Tesla utilizzando un connettore a muro Tesla?
Posso caricare la mia auto elettrica non Tesla utilizzando un connettore a muro Tesla?

Posso caricare la mia auto elettrica non Tesla utilizzando un connettore a muro Tesla? Questo è un quesito che potrebbe affiorare se hai un connettore a muro Tesla incluso in un veicolo più datato o se stai cercando di capire se puoi utilizzare i caricabatterie di destinazione Tesla per la tua auto elettrica non Tesla.

Personalmente, possiedo una Tesla ma ogni tanto ho bisogno di ricaricare diverse auto elettriche a casa e volevo rispondere a questa domanda.

Ci tengo a precisare che stiamo parlando dei connettori fissi a muro e non degli adattatori portatili per veicoli elettrici (EVSE) che si collegano a una presa di corrente standard.

In questa discussione ci concentreremo solo sulla ricarica AC, escludendo la fattibilità della ricarica rapida DC. Per informazioni riguardanti la compatibilità con i Supercharger di Tesla, puoi consultare l’articolo “Tesla apre quasi la metà dei suoi siti Supercharger in Australia a veicoli elettrici non Tesla”.

Tesla ha smesso di includere connettori a muro e l’Universal Mobile Connector (UMC) nelle nuove auto. I caricabatterie di destinazione sono, invece, la definizione data da Tesla ai connettori a muro installati in luoghi pubblici come hotel, ristoranti e parcheggi.

Veniamo ora alla domanda principale. Come accade per tutte le buone domande, la risposta dipende. Innanzitutto, dipende dal tipo di porta di ricarica presente sulla tua auto elettrica. Fortunatamente, quasi tutte le nuove auto elettriche sono dotate di una porta di ricarica del tipo CCS2 di tipo 2, quindi questo aspetto sta diventando meno problematico. Nel caso in cui tu abbia bisogno di un aggiornamento sulle diverse prese di ricarica per veicoli elettrici, l’immagine sottostante può essere di aiuto.

La tua auto elettrica è compatibile con la presa a muro Tesla?

Se possiedi una Nissan Leaf più datata, una Mitsubishi Outlander PHEV o una BMW i3 precedente al 2018, queste sono tutte dotate di una presa di ricarica CA di tipo 1. Tuttavia, esistono degli adattatori da tipo 2 a tipo 1 per rendere queste auto compatibili con i caricabatterie CA di tipo 2.

In secondo luogo, tutto dipende dalla versione del connettore a muro Tesla che stai cercando di utilizzare e dalla sua configurazione. Esistono molte discussioni in forum e siti web che ricercano una risposta a questa domanda e purtroppo la soluzione non è così semplice.

Inoltre, è abbastanza difficile trovare informazioni precise riguardo al passaggio di Tesla da una generazione di connettori a muro alla successiva. Le informazioni che ho cercato di fornire sono quelle a mia disposizione, ma sarei felice di ricevere feedback attraverso i commenti qui di seguito.

Al momento, sono disponibili tre generazioni di connettori a muro Tesla. Il codice prodotto Tesla (TPN) presente sul lato dell’unità può aiutarti a identificarne la generazione. Tuttavia, non sono riuscito a trovare un elenco completo di numeri di parte, quindi potresti dover fare una valutazione visiva.

La prima generazione è stata inclusa nei modelli S e X fino al 2018. Puoi riconoscerla rispetto alla generazione 2 o 3 poiché presenta un gancio o una presa separata per il cavo di ricarica, anziché essere integrata direttamente nell’unità stessa. I codici di esempio per la generazione 1 terminano con A, B o C e includono 00 o 01 come ultime due cifre prima della lettera.

La generazione 2 è inclusa nei modelli 3 prodotti dal 2019 al passaggio alla generazione 3 nel corso del 2021. Generalmente di colore grigio, presenta una presa integrata per appendere il cavo di ricarica. I codici di esempio terminano con E, H o K e includono 03 o 07.

La generazione 3 è inclusa nelle auto prodotte fino alla fine del 2022, quando hanno smesso di includerla. In genere, questa generazione è di colore bianco con una copertura in vetro trasparente o acrilico. Il connettore a muro e la maniglia sono leggermente più piccoli rispetto alla generazione 2 e il cavo è leggermente più sottile e flessibile. I codici di esempio terminano con D o G e includono 02.

Ecco un riepilogo sulla ricarica di auto elettriche non Tesla utilizzando i connettori a muro Tesla:

Generazione Compatibilità con auto elettriche non Tesla

Generazione 1 Può essere configurata tramite switch fisici presenti nel caricabatterie per ricaricare auto elettriche non Tesla.
Generazione 2 Limitata solo ai veicoli Tesla e non è compatibile con altri veicoli elettrici.
Generazione 3 Può essere configurata tramite impostazioni software durante l’installazione per consentire la ricarica solo di veicoli elettrici in generale o solo di quelli Tesla.

Personalmente, ho deciso di passare da un connettore a muro di seconda generazione a uno di terza generazione per poter caricare anche auto elettriche non Tesla e ho constatato che funziona bene. Ho dato il mio vecchio connettore a muro di seconda generazione a un membro della famiglia che ha da poco acquistato una Model Y, quindi non è andato sprecato.

Durante la ricarica di auto elettriche non Tesla, ho notato un piccolo ritardo prima dell’inizio della ricarica poiché il connettore a muro tenta prima di avviare la ricarica utilizzando un protocollo specifico di Tesla.

Per esempio, durante la ricarica di una Polestar 2, l’auto passa attraverso i seguenti stati: inizializzazione (luce gialla sulla porta di ricarica) → errore (luce rossa) → ritorno all’inizializzazione (luce gialla) → ricarica (luce verde).

Per quanto riguarda i Tesla Destination Chargers, conviene fare una verifica preventiva tramite app come Plugshare o contattare direttamente il luogo interessato. Spero che queste informazioni ti siano state utili e ti auguro una buona ricarica!

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Quanto costa mantenere un’auto elettrica? I modelli più economici

Quanto costa mantenere un’auto elettrica? I modelli più economici

BMW iX3 EV del 2025: data uscita, prezzi, consumi, interni e caratteristiche

BMW iX3 EV del 2025: data uscita, prezzi, consumi, interni e caratteristiche