in

Tesla sta già lavorando al ‘Santo Graal’ delle batterie per auto elettriche: si basa sul nichel e promette di durare un secolo

Il dipartimento di ricerca di Tesla specializzato in batterie avanzate ha appena pubblicato uno studio molto sorprendente e promettente su una batteria a base di nichel di nuova concezione che, nelle giuste condizioni, potrebbe durare 100 anni.

Allo stesso tempo, e alla luce degli esperimenti effettuati, questa batteria presenta vantaggi rispetto alle attuali batterie al litio ferrofosfato (LFP) in termini di velocità di carica e densità di energia, che in pratica si traduce in una maggiore autonomia con una batteria più piccola.

La chimica che potrebbe cambiare tutto

L’azienda americana ha fondato nel 2016 il cosiddetto “Tesla Advanced Battery Research”, un importante centro di ricerca che fin dall’inizio lavora a stretto contatto con il laboratorio batterie dello specialista Jeff Dahn presso la prestigiosa Dalhousie University, ad Halifax (Canada).

Dahn è considerato uno dei pionieri delle batterie agli ioni di litio, in quanto ha lavorato su questa tecnologia praticamente sin dalla sua invenzione. Oggi, la sua ricerca e quelle delle strutture di Tesla si concentrano sul raggiungimento il prima possibile di aumentare la densità di energia, aumentare la durata e ridurre i costi di produzione.

La cooperazione tra le due istituzioni sta progredendo costantemente e ha già portato a diversi brevetti e documenti in materia.

L’ultimo, con il titolo un po’ impronunciabile, che in spagnolo sarebbe “Li[Ni0.5Mn0.3Co0.2]O2 come alternativa superiore a LiFePO4 per celle agli ioni di litio a bassa tensione di lunga durata”, è stato appena pubblicato sul Journal of the Electrochemical Society, ed è uno dei più interessanti per il futuro delle auto elettriche.

Il testo si occupa principalmente dello sviluppo che stanno portando avanti di una batteria a base di nichel (NMC), che compete con le celle della batteria LFP in termini di longevità e cerca di superare le sue proprietà.

Con una batteria di maggiore densità di energia e dimensioni più ridotte, i veicoli elettrici saranno in grado di avere una maggiore autonomia, allo stesso tempo che vedranno il loro peso ridotto. Ciò significa, tra le altre cose, che se queste indagini devono prosperare, anche le più piccole auto elettriche potrebbero raggiungere una maggiore autonomia in futuro.

Ma senza dubbio, se c’è un punto dello studio che attira un’attenzione potente è che, secondo i risultati dei ricercatori, una batteria di questo tipo potrebbe raggiungere una vita utile di circa 100 anni, a condizione che la sua temperatura sia mantenuta controllata intorno ai 25 ° C.

In particolare, il testo afferma che “le celle NMC, in particolare quelle bilanciate e caricate a 3,8 V, hanno una migliore efficienza culombbiana, una minore caduta di capacità e una maggiore densità di energia rispetto alle celle LFP e si prevede che raggiungeranno una durata di quasi un secolo a 25 gradi Celsius”.

Secondo i ricercatori, questo consente anche di ridurre le perdite di energia durante la carica e la scarica della batteria.

L’articolo rileva che i vantaggi di queste promettenti batterie “potrebbero essere applicati anche ad altre celle come quelle che non hanno cobalto” (o che hanno un livello molto basso).

Inoltre, poiché la chimica proposta offre più spazio con meno celle – che sarebbe la chiave, tra le altre cose, per superare la carenza di materie prime – si tradurrebbe in un costo di sviluppo inferiore e, quindi, in un prezzo finale più stretto per le auto elettriche..

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Renault Austral vs Hyundai Tucson: il nuovo grande duello di MEDI SUV

Toyota Camry 2022: 4 motivi per acquistarla al posto di una Honda Accord