in

Toyota dà priorità alla sicurezza, all’affidabilità e alla durata della batteria nel bZ4X

Con l’introduzione della bZ4X, Toyota vuole inviare ai suoi clienti un messaggio di fiducia nelle sue batterie come caratteristica chiave di questa e delle sue future auto elettriche: basso degrado e alta qualità nella produzione.

Con la sua prima incursione nel mercato dei veicoli elettrici, Toyota vuole capitalizzare la sua lunga esperienza nella costruzione di modelli elettrificati e l’ eccellente reputazione di affidabilità che si è costruita negli anni.

Nelle specifiche della batteria del bZ4X , il produttore giapponese pone l’accento sulla sicurezza e sull’autonomia applicate al mondo reale , senza perdere prestazioni rispetto alla concorrenza. Toyota ha implementato una serie di misure nel processo di produzione che garantiscono la qualità e il basso degrado delle sue batterie.

Toyota ha ritardato la sua incorporazione nel mercato dei modelli completamente elettrici con l’argomento della bassa autonomia e della lenta implementazione dell’infrastruttura di ricarica come ragioni principali. Negli ultimi anni ha continuato a sfruttare il concetto delle sue ibride elettriche auto-ricaricanti come argomento di vendita, al di là del “disagio” di vivere con un’auto completamente elettrica.

Ma i tempi sono cambiati e la tecnologia delle batterie consente già alla maggior parte delle auto elettriche sul mercato di fare lunghi viaggi. Con l’ infrastruttura di ricarica ancora l’handicap più importante in modo che qualsiasi viaggio possa essere effettuato in totale sicurezza senza rimanere senza energia, Toyota ha deciso di fare il salto verso la mobilità elettrica al 100%.

La nuova famiglia di auto elettriche denominata Beyond Zero (bZ) avrà diversi modelli elettrici basati sulla stessa piattaforma e-TNGA ( Toyota New Global Architecture ), sulla quale verranno implementate tutte le tecnologie Toyota, comprese le stesse batterie sviluppate internamente da il produttore giapponese.

Piattaforma E-TNGA su cui verranno implementate tutte le tecnologie Toyota, comprese le batterie sviluppate internamente dal costruttore giapponese.

Le batterie sono proprio alla base della strategia aziendale di Toyota per questa nuova gamma di auto elettriche. La sua sicurezza, le sue prestazioni, la sua affidabilità sono l’argomento che offre ai suoi clienti per garantire la massima tranquillità nell’utilizzo dei suoi nuovi modelli. Inoltre, questa tattica ha lo scopo di capitalizzare l’ eccellente reputazione di affidabilità che è stata forgiata con la sua gamma ibrida.

Il messaggio è destinato a svolgere un ruolo chiave di differenziazione in un mercato in cui i marchi rivali operano da tempo. Nel presentare le specifiche della batteria per il suo nuovo crossover elettrico, la Toyota bZ4X allude alla sicurezza e all’autonomia del mondo reale come priorità massime per i suoi veicoli elettrici.

La batteria agli ioni di litio da 71,4 kWh della bZ4X , che certifica un’autonomia di 500 chilometri, è alla pari in termini di prestazioni rispetto al resto delle marche da competizione. Ma Toyota enfatizza le risorse immateriali costruite nell’esperienza di un marchio che vende veicoli elettrificati dal 1997: “tranquillità” in termini di prestazioni e durata. “Rispetto ad altre aziende, abbiamo più storia ed esperienza, che è presente nella serie bZ e inclusa nelle batterie”, afferma Kouji Toyoshima, ingegnere capo della Toyota ZEV Factory, responsabile dei prodotti per i veicoli elettrici dell’azienda.

Misure per garantire affidabilità e sicurezza

Toyota ha implementato una serie di misure che garantiscono questi asset. Innanzitutto, la casa automobilistica promette che i suoi pacchi batteria avranno una capacità di ritenzione del 90% dopo 10 anni di utilizzo . Una clausola che sapremo in seguito se è incorporata nel contratto di garanzia per le vostre auto elettriche.

Toyota si impegna a implementare un sistema di controllo di altissima qualità nei propri processi di produzione delle batterie. Eliminerà i difetti di fabbricazione che possono causare un riscaldamento anomalo di questo componente e che in alcune circostanze potrebbero essere la causa di un incendio.

Inoltre, i sistemi di monitoraggio ridondanti per la tensione, la corrente e la temperatura della batteria aggiungeranno un ulteriore livello di sicurezza. Toyota incorporerà un refrigerante ad alta resistenza di nuova introduzione per evitare che gli incendi causino cortocircuiti. Infine, il costruttore giapponese integrerà i propri pacchi batteria nella scocca del veicolo per garantire la massima protezione in caso di collisione.

Per estendere le prestazioni della batteria, Toyota ha progettato i servizi di bordo del bZ4X per ridurre al minimo il consumo di energia in modo che la maggior parte della sua capacità sia destinata all’alimentazione delle ruote. Così, ad esempio, ha implementato un sistema di riscaldamento a pompa di calore molto efficiente , in quanto è uno degli elementi chiave dei consumi, soprattutto in inverno. L’auto incorpora il riscaldamento nei sedili e nel volante e, per la prima volta su una Toyota, utilizza il riscaldamento radiante per i piedi nei sedili anteriori. L’obiettivo è quello di riscaldare i passeggeri in modo rapido e diretto senza disperdere il calore in tutta la cabina.

In alcuni mercati, il bZ4X può incorporare un tetto con pannelli fotovoltaici , che aiuterà a ricaricare la batteria. Questa è la stessa tecnologia già implementata nella Prius ibrida plug-in. Toyota stima che sarà in grado di generare abbastanza elettricità nel corso dell’anno per percorrere 1.800 chilometri . Considerando che, ad esempio in Giappone, la media annua dei chilometri percorsi dagli automobilisti è di 10.000, questo aiuto rappresenta il 18% del chilometraggio annuale percorso grazie all’energia solare.

Due disegni

La Toyota bZ4X sarà in vendita a metà del 2022 nei mercati di Giappone, Europa, Stati Uniti e Cina . Il costruttore prevede di quadruplicare le vendite di veicoli elettrificati entro la fine di questo decennio, da 1,96 milioni nel 2020 a 8 milioni nel 2030. Circa due milioni saranno i veicoli a zero emissioni tra quelli alimentati a batterie (la maggioranza) e quelli a idrogeno cella a combustibile.

Il bZ4X sarà prodotto in Giappone e Cina e sarà venduto in tutto il mondo. Poiché i volumi dovrebbero essere limitati, almeno nel periodo di vendita iniziale, Toyota intende produrre il veicolo elettrico in linee miste accanto ad altri veicoli tradizionali , segnando così una differenza con altri produttori che dedicano linee esclusive e appositamente progettate per la produzione di 100 % modelli elettrici.

Il bZ4X presentato il 29 ottobre corrisponde alla versione giapponese . Sebbene molti dettagli saranno simili nel resto dei mercati, le dimensioni e l’autonomia della batteria potrebbero differire leggermente dal modello già noto. La gamma commerciale in Giappone avrà due versioni, entrambe con batteria al litio da 71,4 kWh. La differenza fondamentale tra loro è nel sistema di propulsione.

La versione a trazione anteriore avrà un unico motore elettrico da 150 kW (201 CV) posizionato sull’asse anteriore, in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 8,4 secondi e di offrire un’autonomia nel ciclo di 500 chilometri. .

La versione a trazione integrale dispone di un motore da 80 kW (107 CV) su ciascun asse in modo da accelerare da 0 a 100 km/h in 7,7 secondi. In questo caso l’autonomia si riduce a 460 chilometri.

Interni futuristici con due volanti tra cui scegliere

L’interno della bZ4X è dominato da un enorme display digitale verticale che domina il cruscotto. La plancia appare incastonata nel volante sporgente verso il guidatore. Secondo Toyota, questo design aiuta a creare una sensazione di spazio aperto nell’abitacolo e migliora la visibilità.

Il volante senza bordo superiore e steer-by-wire sarà offerto come opzione in Cina per essere lanciato successivamente in altri mercati.

Il bZ4X offrirà due opzioni per il volante . Uno è un volante tradizionale a forma circolare e l’altro è un volante senza bordo superiore in stile aeronautico, a forma di farfalla che utilizza la tecnologia Steer-by-Wire in cui non vi è alcun collegamento meccanico alle ruote. Toyota lo chiama una “presa in una sola mossa”. Questa opzione sarà introdotta in Cina e sarà lanciata in altri mercati a partire dal 2022, anche se non è stato specificato se raggiungerà tutti.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Byton si trova in una situazione di estrema debolezza: potrebbe presto scomparire

XPeng Motors presenta il suo nuovo sistema di punteggio, molto simile a quello di Tesla