in

Tutte le nuove vetture Alfa Romeo fino al 2027

Futuro promettente e ricco di sorprese che Alfa Romeo prepara per i prossimi anni, con novità inedite come il Brennero e il Castello e le nuove generazioni di modelli già noti come Mito, Stelvio e Spider, tra gli altri.

Con il nuovo Tonale presentato poche settimane fa, Alfa Romeo ha dato il segnale di partenza definitivo per affrontare il futuro nel breve e medio termine con nuove visioni e nuove prospettive. I suoi top leader voglionoevitare lo spirito Alpha, ma adattati ai nuovi tempi e a venire, in modo tale che si prevedano novità, sorprese e trasformazioni dei più interessanti per i prossimi anni.

Uno dei principali driver della nuova “rigenerazione” e “metamorfosi” di Alfa è il nuovo CEO del marchio, Jean-Philippe Imparato. Recentemente ha dichiarato in una presentazione del veicolo che il marchio italiano ha “il potenziale per diventare il marchio premium globale di Stellantis“.

Per fare questo, si affiderà alle nuove piattaforme di elettrificazione del gruppo Stellantis (fusione tra Fiat-Chrysler e PSA), un nuovo design (ispirato alle linee retrò) e il ritorno o la rivitalizzazione di modelli mitici nel marchio biscionne..
Nel road book ufficiale dell’azienda italiana, dal 2027 venderà solo modelli puramente elettrici in Europa, Stati Uniti e Cina. Dal 2024, il marchio tradizionale elettrizzerà sempre più la sua serie con lo slogan: “Dal 2024, Alfa diventa Alfa e-Romeo“.

In questa nuova fase di trasformazione dell’azienda, il suo nuovo responsabile del Design, lo spagnolo Alejandro Mesonero-Romanos, una delle personalità più prestigiose in questo campo, avrà un ruolo speciale, dal momento che è stato recentemente legato a Seat e successivamente a Renault e Dacia.

Ma andiamo davvero alla cosa importante: quali saranno le grandi novità dell’azienda transalpina per i prossimi anni? Leggere…

ALFA BRENNERO DAL 2023

Il Brennero è stato il primo modello confermato sotto la guida di Jean-Philippe Imparato. Il terzo SUV dopo Stelvio e Tonale uscirà dalla catena di montaggio in Polonia, dove verranno realizzati anche i successori della Fiat 500x e della Jeep Renegade. Da un punto di vista tecnico, il Brennero sarà temporaneamente basato sulla piattaforma tecnica e-CMP, che sarà sostituita dall’architettura STLA Small nel 2026. In questo modo, il prossimo Brennero avrà una moltitudine di elementi tecnici condivisi con le recenti generazioni di Peugeot 2008 e Opel Mokka, tra gli altri.

Il Brennero sarà caratterizzato da propulsori ibridi (ibridi mild e plug-in), ma sarà anche il primo modello di produzione completamente elettrico del marchio. Con la sola trazione anteriore, la potenza massima del suo motore sarà di circa 100 kW (136 CV) e la sua autonomia sarà di circa 350 km.

NUOVE GENERAZIONI DI ALFA STELVIO E GIULIA NEL 2023/2024

Alfa offre la Giulia dal 2016 e il SUV Stelvio dal 2017. Entrambi i modelli sono attualmente nella seconda metà del ciclo di prodotto e saranno lanciati come nuova generazione nel 2023/2024. Entrambi sono ancora basati sulla piattaforma Giorgio e saranno basati sull’architettura STLA Large in futuro, quindi incorporeranno versioni con motori a combustione, versioni con diversi gradi di ibridazione oltre a varianti più che probabilmente puramente elettriche.

Nel caso di veicoli puramente elettrici, la piattaforma STLA Large può consentire autonomie fino a 800 chilometri. Mentre le batterie provengono dalla joint venture Stellantis/Saft ACC (Automotive Cell Co.), i motori elettrici saranno forniti dal fornitore giapponese Nidec. Per quanto riguarda il telaio e lo sterzo, Alfa vorrebbe mantenere le impostazioni e la configurazione della piattaforma Giorgio.

IL RITORNO DI ALPHA GTV E SPIDER

Il nuovo CEO intende rivitalizzare i modelli mitici del brand italiano. “Sono molto interessato alla GTV“, ha detto di recente il capo del marchio in un incontro con i media. “Non ci sono dichiarazioni o annunci in questo momento, ma vi sto solo dando la sensazione personale che sono molto interessato alla GTV. Adoro anche il Duetto“, cioè il veicolo che in seguito divenne noto come Spider.

L’idea di far rivivere la GTV, che è stata offerta l’ultima volta come coupé sportiva dal 1994 al 2005, non è nuova. Come versione a due porte della Giulia, il modello era quasi pronto per la produzione in serie, ma poi è caduto vittima dei “tagli” e della complicata situazione finanziaria che il marchio ha attraversato negli ultimi anni. Secondo un rapporto pubblicato dall’outlet britannico Autocar, ci sono ora indicazioni che la GTV sarà offerta come coupé a quattro porte accanto all’Alfa Giulia, entrambe basate sulla stessa piattaforma.

Il ritorno del Ragno Alfa, noto come Duetto nella prima generazione, si deduce anche dalla “dichiarazione d’amore” di Imparato. Non è chiaro qui se il modello sarà basato sulla piattaforma STLA Medium per i modelli compatti a partire dal 2023 e possibilmente verrà lanciato come auto elettrica pura. Data la bassa domanda di cabriolet a due posti, le probabilità di una nuova Alpha Spider sono probabilmente molto basse.

ALPHA MITO: NEL 2026 CON LA STESSA BASE DI LANCIA YPSILON?

Durante le ultime settimane ci sono state anche speculazioni sulla possibilità del ritorno del Mito. Per la sua nuova generazione, Alfa guarderebbe a compratori particolarmente giovani che sono attratti da un piccolo veicolo con una carrozzeria hatchback a cinque porte e con alcuni dettagli sportivi.

La nuova Mito potrebbe anche condividere la piattaforma STLA Small con il Brennero e il successore della Lancia Ypsilon dal 2026. In questo modo, la sua offerta meccanica ospiterebbe anche treni a propulsione ibrida e, comunque, almeno una versione elettrica pura.

ALFA CASTELLO NEL 2027: UN NUOVO SUV CON UN APPROCCIO PIÙ FAMILIARE

Dal 2027, il marchio progetta un altro SUV: l’Alfa Castello. Il quarto SUV del marchio verrà lanciato come potenziale concorrente della BMW X5 basata sulla piattaforma STLA Large e dovrebbe celebrare il suo debutto come auto puramente elettrica. Non è chiaro se il grande SUV Alfa si chiamerà effettivamente Castello, anche se il nome del modello si adatta bene alla gamma SUV.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

BMW X1 2023: il nuovo SUV anche con versione elettrica

Kia Sportage 2022: tutti segreti di un SUV multi-energia