in

XPeng Motors presenta il suo nuovo sistema di punteggio, molto simile a quello di Tesla

Il marchio cinese XPeng ha presentato ufficialmente il suo nuovo sistema di punteggio per i conducenti che vogliono accedere allo sblocco automatico del pilota. Una procedura notevolmente simile a quella già offerta da Tesla per sbloccare gli aggiornamenti OTA.

A causa delle ultime notizie sugli incidenti causati da conducenti spericolati che attivano il pilota automatico e non preoccupatevi, l’azienda cinese NIO ha già lanciato un piccolo questionario obbligatorio prima di poter sbloccare l’opzione NOP (Navigate On Pilot).

Questo sembra aver dato una buona idea ad altri produttori di veicoli elettrici con la possibilità di autopilota , tra i quali XPeng , che già lo aveva fatto prima di scegliere di attivare il NGP (Navigation Guided Pilot), e che ora aggiorna la sua offerta di sistema un nuovo metodo di valutazione “Smart Driving Points” , qualcosa che già sappiamo da altri produttori come Tesla .

Ciò suppone un contributo importante nella prevenzione degli incidenti, poiché se il proprietario o il conducente del veicolo non ottiene la nota necessaria per attivare questa funzione, gli sarà vietato. Ad oggi, è stato presentato nella fase beta dell’applicazione stessa di XPeng, ma il suo lancio è previsto per l’inizio del prossimo anno 2022 .

La sua pubblicazione è saltata attraverso un annuncio fatto dal brand stesso alla pagina ufficiale Weibo , dove hanno confermato il lancio di ” Smart Driving Points ” con cui misurare le pratiche di sicurezza di un guidatore su strada.

Questo nuovo sistema per il marchio XPeng assegna un totale di 100 punti a ciascun pilota nel momento in cui si mette al volante per la prima volta . Successivamente, una volta iniziata la guida, sarà il sistema stesso a detrarre punti in base alle cattive pratiche effettuate dal conducente stesso. Questi saranno sezionati come segue:

-Se non metti frequentemente entrambe le mani sul volante o se rimangono fuori dal cerchio per un lungo periodo di tempo.

-La velocità con cui il conducente prende il controllo del veicolo una volta che il sistema ha emesso un segnale acustico.

-Se il conducente attiva le diverse funzioni ADAS (sistemi di assistenza alla guida) dopo 4 ore di guida continua.

-Se il conducente non presta sufficiente attenzione alle diverse condizioni stradali durante viaggi lunghi o frequenti.

L’applicazione garantisce che una volta che il conducente in questione avrà sostenuto questo test e avrà terminato il suo punteggio superiore a 90, potrà accedere agli aggiornamenti OTA per attivare il sistema di guida autonoma. Chi invece avrà zero punti dovrà sottoporsi nuovamente a questo test di sicurezza per poter ripartire da 100 punti. In ogni caso, questi punti verranno azzerati automaticamente dopo che saranno trascorsi 12 mesi dal tuo primo test.

Nonostante lo sviluppo che questo sistema comporta per XPeng, sono in molti ad aver alzato la voce in difesa di Tesla, dal momento che accusano i cinesi di copiare un sistema che l’azienda americana ha già rilasciato. Oltre a questo, NIO ha anche presentato un primo sistema di test di sicurezza attraverso un questionario, un po’ meno complesso e completo di quello presentato oggi, sebbene, a loro dire, altrettanto efficace. È chiaro che l’importante è questo aspetto non è chi lo ha lanciato per primo, ma chi esegue correttamente il suo funzionamento, poiché questo è ancora un altro sistema di sicurezza che garantirà l’integrità fisica degli occupanti controllando le capacità del conducente. , cosa che dovrebbe essere sempre una buona notizia per ottenere zero livelli di mortalità sulla strada per imprudenza o negligenza.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Toyota dà priorità alla sicurezza, all’affidabilità e alla durata della batteria nel bZ4X

Renault Mégane , cinque pregi e due difetti