in

Cosa succede se esaurisci l’AdBlue nella tua auto diesel e non riempi il serbatoio?

AdBlue è presente in quasi tutti i  moderni motori diesel , ma cosa succede quando si esaurisce?

La necessità di curare e preservare l’ambiente ha portato dal 1988 all’elaborazione di normative antinquinamento per ridurre gli effetti nocivi sulla salute e sull’ambiente prodotti dalla combustione dei motori diesel e benzina.

I produttori di veicoli, nei loro modelli diesel, incorporano un sistema liquido per ridurre i gas nocivi. Utilizza un liquido chiamato AdBlue, in grado di ottemperare a normative antinquinamento sempre più restrittive e di poter continuare a produrre motori diesel, riducendo le emissioni di ossidi di azoto.

DEF (Diesel Emissions Fluid) o AdBlue, è una soluzione acquosa di urea, corrosiva, ma non tossica. La percentuale di Urea è del 32,5% e per gestire questo additivo dobbiamo seguire le norme di sicurezza . L’urea viene iniettata nel tubo di scarico a differenza della Cerina che viene miscelata con il carburante prima di essere bruciata.

Viene utilizzato per motori diesel (non tutti), con cilindrate elevate e viene iniettato in piccole dosi nella linea di scarico prima del filtro antiparticolato o SCR , attraverso un iniettore alloggiato nel tubo di scarico.

La combustione dei motori diesel genera sostanze molto dannose per la salute come ossidi di azoto e benzopireni che si trovano nelle ceneri generate dal gasolio durante la combustione . Va notato che i benzopireni sono costituiti da particelle solide che, una volta inalate, rimangono attaccate al tratto respiratorio e sono altamente cancerogene. A causa di questi composti, è necessario installare il filtro antiparticolato nei veicoli diesel nella linea del tubo di scarico.

Al contrario, gli ossidi di azoto non vengono rimossi fisicamente ed è necessaria una reazione chimica per impedire loro di fuoriuscire nell’atmosfera. Per questa reazione chimica sono necessari due elementi. Da un lato un catalizzatore dove si svolge il processo e dall’altro un elemento che reagisce con gli ossidi di azoto trasformandoli in gas innocui o innocui, essendo questo un liquido chiamato AdBlue.

funzionamento del sistema adblue

Durante la combustione del motore diesel, il diesel raggiunge pressioni e temperature elevate, facendo in modo che il carburante bruci e ottenendo che, poiché c’è aria in eccesso e poco carburante, il consumo è inferiore. Gli ossidi di azoto vengono prodotti con questa miscela ricca di aria e povera di carburante.

L’ olio è un idrocarburo costituito da idrogeno, carbonio e ossigeno , quindi, se la combustione fosse perfetta, solo l’anidride carbonica e l’acqua di scarico, ma poiché la reazione chimica non è completa e il carburante non È puro, provoca la generazione di altri composti chimici come: monossido di azoto, monossido di diazoto, triossido di diazoto, tetrossido di diazoto, biossido di azoto e pentossido di diazoto.

La maggior parte dei gas che si generano nella combustione degli attuali motori diesel sono: biossido di azoto (NO 2 ) e ossido nitrico (NO) , per cui è necessario installare un impianto di trasformazione nel tubo di scarico che Aggiungere urea liquida ai gas, reagendo sul catalizzatore, ottenendo acqua e CO2.

La CO 2 è uno dei gas che provocano l’effetto serra nell’atmosfera, ma va notato che è molto meno attivo di NO x (ossidi di azoto). I componenti del sistema AdBlue sono i seguenti:

  • Serbatoio Urea: ha una capacità compresa tra 15 e 20 litri e un’autonomia compresa tra 15.000 e 20.000 km.
  • Unità di controllo : ha il compito di calcolare la quantità di Urea necessaria per ottenere un rapporto stechiometrico (che la reazione delle molecole sia in quantità uguali tra l’una e l’altra). La centralina deve anche informare l’autista della quantità di Urea che rimane nel serbatoio e dei chilometri che possiamo fare prima di esaurirsi.
  • Iniettore di urea: è alloggiato nel tubo di scarico all’ingresso del catalizzatore ed è responsabile dell’iniezione della quantità necessaria affinché avvenga la reazione chimica.

Va notato che avendo un’auto con il sistema AdBlue non sarà più silenziosa o avrà più potenza € ma il veicolo inquinerà meno.

Ma cosa può succedere nel veicolo se esauriamo l’AdBlue?

Innanzitutto dobbiamo rispettare la periodicità di manutenzione del nostro veicolo. Il livello del serbatoio AdBlue diminuisce man mano che si percorrono i chilometri e sul quadro della strumentazione verrà visualizzato un avviso del livello e dei chilometri che ci restano da fare con quella quantità.

Quando rimangono circa 2.000 chilometri di autonomia aggiuntiva, sul quadro della strumentazione compare un’avvertenza, a quel punto compare ad ogni avviamento del motore. Quando l’autonomia scende a 1.000 chilometri, l’avviso rimane fisso.

E cosa succede se anche solo facendomi sapere che ho finito l’AdBlue?

erogatore di adblue

Se abbiamo ignorato le avvertenze sul quadro strumenti per mancanza di liquido AdBlue e si esaurisce completamente, possiamo continuare a guidare senza problemi. Ma alcuni veicoli costruiti per ottemperare alla normativa Euro 6, a corto di AdBlue , se spegniamo il motore non ci farà più partire e bisognerà recarsi con la gru in officina per resettare la centralina e sostituire il sistema con Urea. Il prezzo dell’AdBlue dipenderà da dove lo riforniamo, ma è compreso tra 0,70 e 0,80 centesimi al litro .

Se invece il veicolo ci avverte che il livello di AdBlue è basso, possiamo riempirlo da soli, e basta aprire il tappo che si trova accanto al tappo del rifornimento del carburante o nell’alloggiamento della ruota di scorta, usando guanti e occhiali protettivi, versarlo attraverso un imbuto o un tubo speciale, evitando la caduta del prodotto, in quanto molto corrosivo.

A volte il tappo AdBlue richiede una chiave speciale per la sua apertura e che solitamente è in possesso del marchio del veicolo, la cui intenzione non è altro che quella di passare in officina per fare rifornimento. Questo fatto rende difficile per chiunque aprire il serbatoio di riempimento AdBlue e fare un self-service. Le stazioni di servizio che hanno pompe di questo tipo hanno la chiave appropriata per aprire questo deposito.

Possiamo trovare bottiglie di AdBlue nelle stazioni di servizio, nei negozi di ricambi auto e nelle pompe situate in alcune stazioni di servizio. Se il veicolo non ha esaurito l’AdBlue, effettuiamo il rifornimento e non è necessario ripristinare il sistema con una macchina diagnostica. Ma, al contrario, se il veicolo è stato trainato perché non è partito per l’esaurimento dell’AdBlue, anche dopo averci avvertito, se il sistema dovrà essere resettato.

 

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Sicurezza attiva, sai cos’è?

Quali tipi di freno di stazionamento elettrico esistono?