in

Dacia Sandero 2021 problemi di produzione

La nuova Dacia Sandero ha appena iniziato il suo viaggio commerciale in Europa ei tempi di consegna hanno già raggiunto livelli davvero preoccupanti. Inoltre, Dacia, come altri marchi automobilistici, è stata costretta a interrompere la produzione nella sua fabbrica rumena. Il risultato è un vero e proprio “cocktail esplosivo” che mette in serio pericolo la popolare utility low-cost.

La commercializzazione della Dacia Sandero 2021 è già in corso. L’ attesissimo veicolo utilitario di terza generazione di Dacia è una realtà. Questo autentico bestseller è stato sottoposto a una completa ristrutturazione. Ed è che è cambiato dalla base del veicolo attraverso il design esterno e interno. Inoltre, e come se non bastasse, a livello meccanico e tecnologico la novità è altrettanto importante.

Tuttavia, tutto ciò che luccica non è “oro” in questa fase iniziale della vita commerciale del nuovo Sandero . L’azienda rumena deve affrontare alcuni problemi molto rilevanti che stanno interessando direttamente il pilastro centrale della sua gamma (così come altri suoi modelli). Ma cosa sta succedendo in Dacia ? Tutti gli occhi sono puntati sulla sua capacità produttiva.

Tempi di consegna Dacia Sandero 2021

Il portafoglio ordini del nuovo Sandero è aperto da pochi mesi e in questo primo trimestre del 2021 verranno effettuate le prime consegne in tutto il Vecchio Continente. Tuttavia, i tempi di consegna sono già sotto pressione, come riferito dai nostri vicini francesi. I primi dati di vendita mostrano, o meglio confermano, che il nuovo Sandero continuerà a raccogliere volumi straordinari di immatricolazioni .

I concessionari che lavorano nella rete di concessionari Renault-Dacia in Francia si sono fregati le mani con la nuova generazione di Sandero . E il fatto è che, in alcuni casi, nonostante si lavorasse con una previsione di firmare sei operazioni a gennaio, ci sono stati venditori che sono riusciti a superare i venti. Curiosamente , la maggior parte delle operazioni firmate corrispondono alla Dacia Sandero Stepway , la finitura più avventurosa ed esclusiva della gamma.

Questo sarebbe un ottimo presagio del futuro che attende il nuovo Sandero se non per una questione molto importante. I tempi di consegna stanno crescendo rapidamente . Al momento, e parlando nello specifico del mercato francese, chi acquisterà il nuovo Sandero a febbraio non lo riceverà fino al più presto a giugno. In previsione di evitare un “collo di bottiglia”, molti rivenditori smettono di prendere ordini.

La “tempesta perfetta” attorno alla nuova Dacia Sandero 2021

Tutto indica che intorno al nuovo Sandero si sta formando una sorta di “tempesta perfetta”. Il Gruppo Renault è l’ennesima casa automobilistica la cui produzione ha dovuto essere sospesa per mancanza di stock di un componente fondamentale per i suoi veicoli. Dacia non è estranea a questa situazione. Questo marchio, che fa parte di detto conglomerato automobilistico, ha visto come verrà interrotta per diversi giorni l’ attività nei centri di produzione di Marocco e Romania .

Dobbiamo tenere presente che, oltre al principale centro di produzione di Dacia in Romania, alcuni dei suoi modelli sono prodotti anche nello stabilimento di Tangeri (Marocco). La temporanea cessazione dell’attività è causata dalla mancanza di stock di semiconduttori indispensabili per lo svolgimento del processo produttivo .

È davvero difficile che il nuovo Sandero possa “morire di successo” . Ora, ciò che è indiscutibile è che questi problemi legati alla produzione avranno un effetto molto negativo su questo primo anno di vita commerciale della terza generazione. Il Gruppo Renault ha la capacità di continuare ad aumentare la capacità di produzione sulle linee di assemblaggio in cui vengono prodotti il nuovo Sandero e la sua variante Stepway.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Kia Sorento del 2021: 3 difetti

Mazda-3_1

Le 10 migliori vetture compatte sul mercato nel 2021