Donna al volante? Non è un pericolo costante

Un vecchio proverbio diceva “Donna al volante pericolo costante” come a indicare la poca affidabilità del sesso femminile alla guida spesso troppo distratta e quindi causa di possiibli incidenti. Ora, però, le ultime statistiche stanno smentendo questo detto.
Il risultato di una ricerca pubblicata nel “Rapporto Automobile 2008″ realizzata dal Censis in collaborazione con l’Aci, infatti, ha evidenziato che sono proprio le donne ad avere più punti sulla patente rispetto ai colleghi guidatori uomini.

La percentuale di uomini che ha perso due o più punti dalla patente è infatti del 20,6 % mentre per quanto riguarda le donne questo è toccato solo al 9% di loro.
Questo è dato è particolarmente importante e ci fa riflettere perchè indica proprio una maggiore prudenza e attenzione da parte del gentil sesso quando ci si trova al volante: per quanto riguarda gli incidenti avvenuti sulle nostre strade, infattil, solo il 30% vede coinvolte le donne rispetto al 70% rimanente che riguarda i maschi.

Anche le aspettative nei confronti della propria auto sono diverse a seconda dei sessi: le donne vogliono dalla macchina che guidano maneggevolezza, facilità di manovra e parcheggio e rapporto qualità / prezzo, mentre gli uomini preferiscono puntare su una vettura che sia potente e veloce.

Le donne, inoltre non disdegnano, se possibile, utilizzare anche i mezzi pubblici o a volte camminare all’aria aperta, mentre per gli uomini l’auto è davvero una necessità irrinunciabile.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

La famiglia Ds crescerà con una crossover-monovolume

Siete tutti invitati al raduno Porsche