Finalmente Pininfarina ritorna ufficialmente sul mercato

La Bluecar è ufficilamente sul mercato, la famosa auto elettrica costruita in collaborazione fra Pininfarina e Bolloré, ma con una particolarità non indifferente, perché la vettura viene concessa in affitto a 330 euro al mese, con un primo impegno minimo di tre mesi.

La scelta di concedere l’affitto della vettura come spiega Vincent Bollorè è dettata semplicemente dalla scarsa conoscenza che il pubblico ha delle vetture elettriche: “i consumatori vogliono provarla perchè in giro c’è voglia di una vettura elettrica ma c’è anche il timore per il suo funzionamento”.

La BlueCar può fare 100 km con 1 euro, contro i 15 che servirebbero con un motore a benzina, ha un’autonomia di 250 Km, velocità massima 130vKM/H e si ricarica attraverso una spina normale in 5 ore. Bollorè ha ricordato che la BlueCar è la sola vettura elettrica che utilizza una batteria a ioni di litio.

Le prenotazioni sono partite oggi proprio dal Salone di Ginevra e le prime consegne tra circa un anno. Importante la scelta del gruppo Pininfarina di costruire a Torino, nei propri stabilimenti la prima vettura interamente elettrica, le batterie invece, sono fornite dai due impianti di Bollorè costruiti dal suo gruppo a Quimper (Francia) e Montreal (Canada). Lo stabilimento ha una capacità di 70 mila veicoli e la stima, ha detto Paolo Pininfarina, è farne 2.000 unità nel 2011 fino ad un massimo, a pieno regime di10.000 nel 2013. Il guidatore ha a disposizione un sistema di assistenza di 24 ore su 24 collegato ad un apposito centro di comunicazione. Gli accordi di distribuzione in 6 paesi europei: Italia, Germania, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Svizzera e, successivamente, in Nord America e Asia. Grazie all’eventuale successo di “affitto”, in un secondo tempo non si esclude la vendita della vettura.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Termini Imerese non deve chiudere

Alfa Romeo in edicola La collezione del Centenario Alfa Romeo