in

Kawasaki GPz750 Turbo: tutto quello che c’è da sapere

Kawasaki GPz750 Turbo: tutto quello che c’è da sapere

Kawasaki ha guidato la rivoluzione delle motociclette turbo con il suo modello GPz750 Turbo, spingendo i confini con tecnologia innovativa e un design all’avanguardia. Questa configurazione turbo unica riduceva il ritardo (turbo lag) e ottimizzava le prestazioni, offrendo un’esperienza di guida elettrizzante per gli appassionati di motociclette.

Nonostante alcuni svantaggi, il GPz750 Turbo rimane un pezzo raro e da collezione di storia retrò, dimostrando la competenza ingegneristica di Kawasaki.

L’Innovazione Turbo di Kawasaki

All’inizio degli anni ’80, con i progressi tecnologici che imperversavano nel mondo delle motociclette, gli appassionati attendevano con ansia qualche tecnologia rivoluzionaria.

Quell’innovazione erano i turbocompressori. Tuttavia, non appena la tecnologia arrivò, scomparve anche. I “Big Three”, ovvero Honda, Suzuki e Yamaha, avevano smesso di costruire le loro moto turbo da 650 cc a causa di problemi di prestazioni. I loro motori erano troppo piccoli e il turbo non era posizionato vicino al motore, causando un tempo di spool-up noto come turbo lag.

Mentre Honda, Suzuki e Yamaha si ritiravano dal mercato, Kawasaki programmò perfettamente il suo ingresso e rivelò la sua motocicletta turbo. Sembrava logico per Kawasaki interrompere il progetto vedendo i suoi concorrenti ritirarsi dal mercato. Tuttavia, le radici del turbo di Kawasaki risalgono alla fine degli anni ’70 quando Alan Masek, allora Vice Presidente di Kawasaki Motor Corporation, propose di acquistare la Z1 da Kawasaki per collaborare con American Turbo Pac nella produzione di una Z1R turbo. Kawasaki diede il via libera, anche se non era direttamente coinvolta nel progetto.

ATP eliminò i carburatori Mikuni e il sistema di scarico four-into-two per un turbo RayJay, uno scarico collettore e un carburatore con pompa dell’acceleratore Bendix. L’installazione era compatta e ben organizzata. Fu il loro primo tentativo di costruire motociclette turbo, gettando le basi per sviluppi futuri. Il successo della Z1R/TC fu sottolineato dalla straordinaria corsa di 10,05 secondi sul quarto di miglio effettuata dal campione di drag racing Jay Gleason su una motocicletta degli anni ’70. Era inaudito, ma ispirò Kawasaki a esplorare ulteriormente il potenziale della tecnologia turbo.

Specifiche Tecniche

Motore

  • Tipo: Quattro tempi, turbo, quattro cilindri trasversali, DOHC, 2 valvole per cilindro
  • Cilindrata: 738cc
  • Alesaggio x Corsa: 76,0 mm x 55,0 mm
  • Potenza Massima: 112 CV a 9.000 giri/min
  • Coppia Massima: 99,3 Nm a 6.500 giri/min
  • Rapporto di Compressione: 7,8:1
  • Sistema di Raffreddamento: Aria
  • Induzione: Iniezione di carburante Mikuni

Evidenze Chiave

  • Funziona con un aumento di pressione di 10,5psi
  • La carenatura completa presenta un elemento in alluminio integrato per mantenerla in posizione quando è in boost
  • La catena di trasmissione finale O-ring presenta intagli speciali in ogni altro collegamento per ridurre il peso e l’accumulo di calore

Prestazioni e Sottostruttura del GPz750 Turbo

Nonostante alcune delle sfide del GPz750 Turbo, rimane una testimonianza dell’ingegneria innovativa e dello spirito innovativo di Kawasaki. È due facce della stessa medaglia; da ben comportato a spingerti indietro sul sedile in modo folle. Raro e collezionabile, è molto avanti rispetto al suo tempo e diverso dalle moto turbo di Honda, Yamaha e Suzuki che usavano turbo aftermarket. Non erano efficaci e non avevano tanta potenza quanto il Kawasaki. Quindi, se ne trovi uno, potresti possedere un pezzo di storia retrò.

Il sistema di turboalimentazione impiegato nel GPz750 Turbo presentava un design unico volto a ridurre il ritardo e ottimizzare le prestazioni. Montando il turbocharger vicino al motore (all’avantreno davanti ai carter) e utilizzando tubi di scarico corti, il Team Green minimizzava la distanza che l’aria percorreva prima di raggiungere il turbocharger. Questo design non solo riduceva il turbo lag, ma migliorava anche la risposta dell’acceleratore, risultando in una migliore accelerazione e una guida più piacevole.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Guida alla rigenerazione del filtro antiparticolato

Guida alla rigenerazione del filtro antiparticolato

Tesla si Prepara al Lancio del Proprio Assistente Vocale Integrato nell’Auto

Tesla si Prepara al Lancio del Proprio Assistente Vocale Integrato nell’Auto