in

Marko chiede una serie di penalità per Hamilton, Verstappen lo definisce “antisportivo”

L’esito della manovra di gara tra Hamilton e Verstappen non ha fatto accomodare per niente bene all’interno del team energy drink, con una polemica che punta a proseguire, almeno, fino alla pausa estiva.

Ore dopo che Christian Horner ha definito “sporco” Lewis Hamilton dopo che, a suo avviso, ha mandato Max Verstappen contro il muro a Silverstone, il capo del programma giovani piloti della Red Bull è entrato nella mischia per fare un ulteriore passo avanti con la sua reazione a quanto accaduto

“Non puoi farlo con il codice sportivo”, ha detto Helmut Marko quando era a conoscenza della penalità di 10 secondi per il numero 44.

“Non so quale sarebbe la pena massima, ma un comportamento così pericoloso e sconsiderato dovrebbe essere punito con una sospensione o qualcosa del genere . Se un concorrente tocca la nostra ruota posteriore con la sua ruota anteriore, non è più un incidente di gara, anche nella curva più veloce del circuito.

Questo è un comportamento tra negligente e pericoloso”, ha continuato senza mezzi termini.

Lungi dal fermarsi lì, Marko ha assicurato che “sono tutti ciechi” , essendo totalmente anticonformista di fronte alle decisioni emesse dalla FIA. “I replay lo hanno mostrato chiaramente, ha mandato Verstappen contro le protezioni”, ha concluso l’austriaco.

Dall’ospedale locale in cui è stato trasferito per analizzare in dettaglio le sue ferite, Verstappen è stato categorico. “Sono contento di stare bene”, ha detto dopo aver sopportato 51G. “ Sono molto dispiaciuto che mi abbiano tirato fuori così, la penalità inflitta non ci aiuta e non rende giustizia alla manovra pericolosa che Lewis ha compiuto in pista. Guardare i festeggiamenti mentre sono in ospedale è irrispettoso e antisportivo , ma andiamo avanti”, ha concluso.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Verstappen lascia l’ospedale illeso: ascolta la radio agghiacciante dopo il suo incidente

Un pit stop di 12 secondi mette fine alla carriera di Sainz: «Ci sono giorni in cui non è il momento»