in

Polizza Auto, a cosa serve e perché è obbligatoria

Polizza Auto, a cosa serve e perché è obbligatoria

Possiamo circolare senza l’assicurazione? La risposta è assolutamente no. Possiamo avere un’auto ferma in garage senza assicurazione, ma non possiamo in alcun modo usarla in strada. Capita, a volte, di fare confusione: quando si parla di polizza auto, sono tante le domande che ci vengono in mente.

Per fortuna, però, oltre a fare chiarezza cercando le informazioni più importanti, è sempre possibile rivolgersi alla compagnia assicurativa, come UnipolSai, che permette di richiedere un preventivo gratuito online per poi firmare in sede: un valore aggiunto, dal momento in cui le domande sull’assicurazione sono sempre infinite.

Cos’è la polizza auto?

Stando all’articolo 193 del Codice della Strada, siamo obbligati a sottoscrivere l’assicurazione di responsabilità civile. Tutti i veicoli a motore devono essere assicurati, ed è per questo che esiste la RC auto, nota anche come polizza RCA.

Il contratto di assicurazione obbligatorio, di fatto, ha l’obiettivo di coprire i danni causati dal nostro veicolo a persone o cose.

L’assicurazione ovviamente ha un costo, e talvolta può essere annuale o periodica. Si può in ogni caso procedere con il rinnovo a scadenza naturale (attenzione: non è automatico), così come si può cambiare compagnia assicurativa per sottoscrivere il contratto più adatto in base alle proprie esigenze.

Perché la polizza auto è obbligatoria?

Ai veicoli senza assicurazione non è consentito circolare in strada. Possiamo avere delle auto o moto in garage, ma non possono essere utilizzate. La polizza è obbligatoria: deve dunque essere rinnovata alla scadenza, altrimenti si potrebbe incorrere in multe piuttosto salate.

Se non assicuriamo l’auto, infatti, non paghiamo unicamente una multa – di solito oscilla da 800 a poco più di 3400 euro – ma la sanzione amministrativa può essere addirittura raddoppiata in caso di recidiva. Ecco perché è importante rispettare le scadenze. Inoltre, sottolineiamo che l’auto viene prelevata e trasportata in un luogo non soggetto a passaggio pubblico.

La scelta delle garanzie accessorie

Un ulteriore aspetto che ci preme sottolineare è la scelta delle garanzie accessorie per la propria assicurazione. Di fatto, la polizza copre alcuni aspetti: i danni provocati a terzi o a cose, i danni fisici ai passeggeri, anche quelli presenti all’interno del veicolo che ha causato l’incidente. Ci rendiamo sin da subito conto che la polizza, senza garanzie accessorie, non copre tutto: ecco perché va valutato un pacchetto con protezioni e tutele.

Possiamo scegliere diverse garanzie: per esempio, la tutela del conducente, la mini-Kasko o la Kasko, o ancora la polizza furto-incendio (con possibilità di farle entrambe o solo una parte). Ulteriori scelte sono la rinuncia alla rivalsa, la protezione cristalli, l’assistenza stradale e la tutela legale.

Come scegliere la migliore assicurazione?

Prima di stipulare una polizza RCA, dobbiamo ovviamente consultare le offerte delle compagnie di assicurazione. Sfruttare la possibilità di richiedere un preventivo online è di certo un’ottima idea, dal momento in cui possiamo trovare la soluzione su misura.

Valutiamo anche e con attenzione quali sono le garanzie accessorie che davvero potrebbero servirci. Il rischio è di pagare un’assicurazione piuttosto alta. Chi viaggia spesso con la propria auto, indubbiamente può propendere per la garanzia dell’assistenza stradale per la propria assicurazione, così da essere sempre coperti.

 

 

 

 

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Mercato auto: quali opportunità oggi grazie all’usato?

Mercato auto: quali opportunità oggi grazie all’usato?

Noleggio auto: tutto ciò che devi sapere

Noleggio auto: tutto ciò che devi sapere