in

Toyota Land Cruiser si rinnova

Il targato è da sempre una vettura che si addice a chi vuole un’auto potente e in grado di viaggiare su ogni tipo di strada, ma per continuare a piacere al pubblico ha scelto di rinnovarsi senza comunque modificare eccessivamente le caratteristiche che l’hanno resa famosa.

Rimangono quindi inalterati il telaio robusto e il motore posizionato verso il basso, che tanto piacciono e che permettono di rendere più avventurosi i viaggi a bordo.
La casa giapponese non sarà presente al Motorshow di Bologna e quindi non ha voluto mancare l’appuntamento con il , dove ha scelto di presentare questo come il suo modello di punta.

Si può scegliere, a seconda dei gusti e delle esigenze, tra la versione a tre e quella a cinque porte, ma per realizzare un effetto di sicurezza sono state inserite le sospensioni anteriori a doppio braccio oscillante, mentre quelle posteriori sono multilink.

In casa si è inoltre tenuta in grande considerazione la tecnologia e così sono stati inseriti una serie di accessori che servono a migliorare le prestazioni e il piacere di stare a bordo.
Molto importante è la presenza del KyneticDynamic Sospension System, che serve a far sì che le barre stabilizzatrici si modifichino a seconda del fondo stradale che si sta affrontando, e il Multi Terrain Select, un dispositivo che modifica la potenza e i freni dela vettura dopo che si è impostato il tipo di terreno. Altro elemento di livello è il Crawl Control, che regola in cinque livelli la velocità quando si affrontano strade dissestate impedendo di danneggiare freni e frizioni.
Il motore comunque non vuole sfigurare e si tratta di un turbodiesel da tre litri che raggiunge una potenza massima di 173 cavalli. La scelta migliore con questo tipo di propulsore è il cambio automatico a cinque marce che raggiunge risultati davvero al top passando da 0 a 100 in soli 11,7 secondi, ma c’è comunque la possiiblità di inserire il cambio manuale a sei marce dove le prestazioni non peggiorano di molto.
Il portafoglio può stare comunque piuttosto tranquillo visto che i consumi non sono eccessivi e secondo quanto dichiara la casa giapponese si riesce a fare in media 12 km con un litro di gasolio.
Anche se si tratta di un , gli interni sono stati comunque curati e si riesce a ospitare fino a un massimo di sette persone grazie ai due sedili posizionati in terza fila e che all’occorrenza possono essere ripiegati.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Nasce il clone della Nano firmata Tata

Honda New Small Concept si presenta al Salone di Nuova Delhi