in

Volkswagen Arteon, 7 virtù e 2 difetti

Analizziamo le 7 virtù e 2 difetti della nuova Volkswagen Arteon. Di seguito troverai tutti i dettagli della grande (e familiare) berlina Volkswagen.

La Volkswagen Arteon è stata presentata per la prima volta nel 2017. È una berlina in stile fastback che si colloca al di sopra della Passat nell’attuale gamma di modelli Volkswagen .

Emersa come alternativa premium a modelli come l’ Audi A5 Sportback o la BMW Serie 4 Gran Coupé , nel 2020 ha subito il suo primo restyling, introducendo importanti novità. Oggi analizziamo le 7 virtù e i 2 difetti della nuova Volkswagen Arteon .

Virtù

Un’auto visivamente molto attraente

A differenza delle berline del segmento D a cui siamo abituati, l’Arteon è un veicolo di tipo fastback che punta sul design come principale punto di forza . Spiccano elementi come il suo frontale aggressivo con la grande calandra come protagonista, il lunotto molto inclinato che si distingue per creare quella silhouette da coupé tanto apprezzata o il posteriore elegante e minimalista.

Tutto migliora con i diversi design dei cerchi o con i tre livelli di allestimento disponibili ( Arteon, Elegance e R-Line ).

Due corpi disponibili

Allo stesso tempo, a seguito del restyling che ha subito lo scorso anno, l’Arteon è ora disponibile con due differenti carrozzerie: fastback e Shooting Brake . Le differenze di dimensioni sono minime, ma la variante Shooting Brake guadagna quel extra di abitabilità che molti acquirenti richiedono grazie a un bagagliaio con maggiore capacità volumetrica, principalmente.

Un buon baule

Proprio per quanto riguarda il bagagliaio , sebbene le differenze siano quasi impercettibili ( 563 litri di capacità volumetrica per l’Arteon e 565 litri per l’Arteon Shooting Brake), una volta abbattuti i sedili posteriori, lo spazio disponibile di 1.557 litri nel corpo fastback e 1.632 nell’opzione familiare.

Una gamma completa di motori

La gamma di motori è composta da unità diesel 2.0 TDI da 150 e 200 CV di potenza, oltre a benzina 1.5 TSI da 150 CV e 2.0 TSI da 190 CV . I motori sono ben associati ai cambi manuali a sei marce (1.5 TSI e 2.0 TDI da 150 CV), così come alle trasmissioni automatiche DSG a sette marce (2.0 TSI e 2.0 TDI). Tutte le configurazioni del motore e della trasmissione hanno in comune la trazione anteriore.

Volkswagen Arteon R

Il culmine della gamma è venuto di pari passo con il restyling. Si chiama Volkswagen Arteon R ed è l’opzione più potente disponibile. È associato a un motore a benzina 2.0 TSI a quattro cilindri con 320 CV di potenza e 420 Nm di coppia, la stessa meccanica che guida la nuova Volkswagen Golf R 8. La potenza viene inviata alle quattro ruote tramite un cambio automatico. DSG.

Attrezzatura di prima classe

Tra le dotazioni di serie che vanta (finitura R-Line) , l’Arteon gode di cerchi in lega da 19 pollici, Travel Assist, fari a LED, paraurti specifici, sedili regolabili elettricamente, chiamata di emergenza, controllo della pressione. Pneumatici, 8 altoparlanti, sedili anteriori riscaldati, Hill Start Assist, App Connect, Apple CarPlay e Android Auto, Lane Change Assist, Front Assist, Light Assist, climatizzatore a tre zone, cruise control adattivo con limitatore, fatica, cockpit digitale, freno di stazionamento elettrico, accesso e avviamento senza chiave, guida modalità, sistema di rilevamento pedoni e cappuccio attivo, navigatore e riconoscimento della segnaletica stradale, tra gli altri.

Alternativa alle berline più tradizionali

Per tutti questi attributi, la Volkswagen Arteon si posiziona come un’interessante alternativa alle berline più tradizionali . In base al design, alla gamma di motori, alle sue due opzioni di carrozzeria a cinque porte, alla sua ampia dotazione di serie, ai suoi potenti motori e alla versione R disponibile, l’Arteon è un prodotto diverso per l’acquirente che cerca un’auto diversa.

Difetti

Nessuna trazione integrale 4MOTION, tranne sui motori più potenti

Uno dei suoi principali difetti è che non offre il sistema di trazione integrale 4MOTION nella maggior parte dei suoi motori . Questa configurazione è riservata all’Arteon R e ai motori più potenti, come il 2.0 TDI da 200 CV o il futuro 2.0 TSI da 280 CV. L’offerta attuale non include alcuna configurazione che abbia la trazione integrale, almeno per ora.

La Volkswagen Passat è più economica

Essere diversi ha anche un costo e il prezzo della Arteon rende la Volkswagen Passat è una scelta più economica . Con un prezzo di 45.900 euro (44.365 euro nel caso dell’Arteon Shooting Brake), la Passat si posiziona come un modello leggermente più piccolo, ma anche più economico. Ad esempio, la Passat 1.5 TSI da 150 CV è disponibile a partire da 32.645 euro, il che la rende più di 13.000 euro in meno rispetto alla Arteon. Nel frattempo, la Passat Variant con lo stesso motore 1.5 TSI parte da 33.605 euro, cioè più di 10.000 euro in meno. Per gli acquirenti alla ricerca di prezzi, la Passat è un’opzione più attraente. Per quelli con un budget maggiore, l’Arteon è un prodotto più esclusivo.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Furgoni Peugeot: questi sono i 3 più economici

I 7 migliori SUV per 20.000 euro da acquistare nel 2021