in

Volvo Concept Recharge: ecco come nasce un’auto per inquinare l’80% in meno

Volvo Concept Recharge: ecco come nasce un’auto per inquinare l’80% in meno

Volvo ha presentato il suo nuovo prototipo di concept, il Volvo Concept Recharge, al Los Angeles Auto Show. Questo veicolo anticipa le linee di design e i nuovi materiali che verranno utilizzati nei prossimi anni dall’azienda svedese per ottenere un’impronta di carbonio minima.

Volvo , come tante altre case automobilistiche, è presente al Los Angeles Auto Show. Lì, ha mostrato un nuovo modello concettuale che, affermano, rappresenta solo uno studio di design che anticipa le future linee guida dei suoi prossimi modelli che raggiungeranno il mercato. La  Volvo Concept Recharge  mostra caratteristiche completamente nuove per gli svedesi e offre dettagli concreti sulla loro strategia di prodotto una volta che avranno attraversato la linea segnata  dell’anno 2030, quando si aspettano di avere una gamma completamente elettrica . 

Durante il suo debutto, il direttore del design strategico di Volvo, Owen Ready, ha indicato dove è diretto lo sguardo del futuro elettrico dell’azienda svedese. Ed è che nella loro filosofia il fattore autonomia è  considerato chiave , all’interno del settore delle  auto elettriche , qualcosa che non vogliono risolvere nel modo più semplice: incorporare batterie più grandi. Questa soluzione aggiungerebbe un peso maggiore al veicolo, che ridurrebbe la dinamica e aumenterebbe l’impronta di carbonio. La sua soluzione è invece quella di aumentare l’efficienza dell’auto, in generale, ottenendo così un miglioramento dell’autonomia. 

Questo approccio per guadagnare miglia di autonomia si concentra sull’aerodinamica del veicolo stesso. La Volvo Concept Recharge  incorpora alcuni dettagli di design esterno che ammorbidiscono notevolmente le linee dell’auto, migliorando così il flusso d’aria . Tra questi dettagli ci sono: un nuovo design delle ruote, un tetto più basso e più aerodinamico, nonché una parte posteriore più alta. Questi dettagli denotano direttamente in una linea aerodinamica più leggera e, direttamente, in un aumento della gamma di autonomia. 

Ma oltre a questi punti importanti della Volvo Concept Recharge, i  suoi pneumatici sono realizzati quasi completamente privi di materiali fossili (94%) , quindi la loro costruzione è stata effettuata con prodotti riciclati e altri rinnovabili, come gomma naturale, biosilice, rayon e bioresina. In questo modo si ottiene un impatto ambientale minimo. 

Entrando nelle sezioni del design esterno, non presenta certo cambiamenti radicali secondo quanto già sappiamo oggi nel marchio svedese. Sul frontale ospita forme completamente carenate, al fine di migliorarne l’aerodinamica, un logo del brand retroilluminato e fari con la già caratteristica firma luminosa “Thor’s Hammer”. Mentre al posteriore, i fari snelli ed eleganti continuano un punto di partenza sul montante C, mentre il lunotto mostra dimensioni molto contenute. L’intero set ha un’area inferiore rifinita in plastica nera, dando così una visione molto più country, che gioca di pari passo con una piccola elevazione del corpo. Le sue porte laterali ad apertura inversa danno accesso ad un interno molto tecnologico ed  ecologico . 

L’interno evidenzia le intenzioni sostenibili di questo modello concettuale, poiché  l’uso di materiali sostenibili , sia naturali che riciclati, è abbondante , come “lana svedese di provenienza responsabile” o tessuti ecologici e compositi leggeri creati da fonti naturali. Un modo per fare a meno dell’uso generale della plastica è stato optare per l’uso del lino. 

In termini di design, l’abitacolo ha optato per trasmettere la sensazione di un’autentica stanza di rotolamento dove i suoi occupanti hanno uno spazio confortevole con alte dosi di intrattenimento, sempre di pari passo con materiali molto curati in tutte le sue appendici. I suoi colori sono stati appositamente selezionati per presentare una ” eleganza senza tempo del design scandinavo premium “, nelle parole del capo del design degli interni, Lisa Reeves. 

Tutti questi passaggi portano Volvo a presentare un modello in  grado di ridurre l’impatto della CO2 sul ciclo di vita dell’auto dell’80% rispetto a un’attuale Volvo XC60 , combinandolo con l’utilizzo di energia pulita lungo l’intera catena di approvvigionamento, il processo produttivo , così come l’effettiva fase di utilizzo dell’auto nella vita reale. 

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Morgan Stanley paragona la fabbrica di Berlino di Tesla alla catena di montaggio di Henry Ford

Morgan Stanley paragona la fabbrica di Berlino di Tesla alla catena di montaggio di Henry Ford

16 auto elettriche aspirano al trono della Car of the Year in Europa

16 auto elettriche aspirano al trono della Car of the Year in Europa