in

5 fanatici di Mitsubishi che pochi conoscono

È presente sul mercato spagnolo da molti anni, ma la verità è che ci sono almeno 5 fanatici Mitsubishi che pochi conoscono del marchio giapponese. E tu? Sei uno degli esperti? 

Come tanti marchi automobilistici che ci circondano oggi, anche Mitsubishi appartiene a quei produttori che sono il risultato degli sforzi di una o più persone che decenni fa sono riuscite a realizzare un progetto motorizzato (anche se alcuni hanno iniziato l’attività con prodotti molto diversi dal automobili). E poi, le loro traiettorie hanno avuto un percorso accidentato, più o meno fortunato, risentito in modi diversi dalle guerre… 

E, naturalmente, anche il marchio che ci riguarda oggi ha centinaia di aneddoti nel corso della sua storia, con i suoi progetti per il futuro e una gamma che è molto cambiata nel tempo. Ma conoscete almeno questi cinque aspetti curiosi?   

1 Dai tre diamanti alla triplice alleanza

Il tre è stato un numero importante nella storia di Mitsubishi sin dalla sua fondazione, dal momento che il suo logo , che molti identificano con ‘un’elica’ (elemento che viene anche erroneamente attribuito alla BMW , tra l’altro) è in realtà l’unione di tre diamanti . Il nome, infatti, deriva dalle parole ‘mitsu’, che significa tre, e ‘hishi’, che si riferisce a queste figure geometriche.

Dopo molti anni passati a riunire altre divisioni (in Spagna, a causa della pubblicità dei condizionatori d’aria), la più conosciuta forse è ‘Mitsubushi Electric’), oggi Mitsubishi Motors fa parte dell’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi

2 nomi ripetuti?

E a proposito di nomi, altra delle tante curiosità che troviamo nella storia del marchio è il suo gusto per la ripetizione dei nomi commerciali o il loro recupero per segmenti che non hanno nulla a che fare con gli originali. 

Come puoi vedere nella foto principale di questo post, questa Mitsubishi Colt Galan assomiglia poco alla utility “Colt” – che era persino una coupé-cabrio – che sarebbe durata fino ad oggi. Ci sono state anche molte critiche sul fatto che uno dei suoi SUV recenti di maggior successo abbia riguadagnato il nome dell’auto sportiva Eclipse e sia esploso sul mercato come Mitsubishi Eclipse Cross . E questa designazione ‘eclisserà’ la coupé originale anche in competizione, con la spagnola Cristina Gutiérrez e le sue brillanti prestazioni alla Dakar (a destra). 

Infine, il Mitsubishi Space Star non è lungo e spazioso come il primo, degli anni ’90, né viene pubblicizzato con musica da discoteca e parrucche in TV, ma è rimasto l’ unico sopravvissuto non SUV della gamma.  

3 Il Pajero

Ma senza dubbio il nome più controverso dato a un modello commerciale del brand giapponese è stato quello di Pajero . Fu lanciato sul mercato nel 1982 e anche in Spagna iniziò a chiamarsi così. Ma c’è stato un tale trambusto che, quando il danno era già stato fatto (o la pubblicità gratuita, a seconda di come la si guarda), il reparto Marketing ha deciso di ribattezzarla nel nostro paese come Mitsubishi Montero .

Il suo successo è stato travolgente per quasi quarant’anni fino ad oggi, quando la sua produzione è cessata, quindi non sembra che il suo nome originale fosse esattamente maleducato nel resto dei mercati mondiali. E va da sé che questa curiosa parola è stata conservata per i madrelingua spagnoli nella Mitsubishi Pajero “Final Edition” del 2021 che vedete nell’immagine. 

4 L’EVO ai Rally

Ancora una volta, nomi, marketing e concorrenza si uniscono nel quarto dei 5 mostri Mitsubishi che pochi conoscono e che tiriamo fuori oggi. Nel 1992, l’azienda ha lanciato la Mitsubishi Lancer Evolution per partecipare al World Rally Championship (dopo i “primi passi” da corsa di altri modelli come il Galant). Nasce così un nuovo oggetto street del desiderio per gli appassionati di motorsport, in produzione fino al 2016. 

La presenza sportiva e le prestazioni per il mondo reale hanno dato a questo veicolo una tale fama che nelle alte sfere del marchio una cosa ha cominciato a preoccuparsi: che la gente lo chiamasse ‘EVO’ a secco e poco a poco i valori della firma , o perché ‘Mitsubishi’ è stato omesso, o Lancer, o entrambi i termini. 

In paesi come la Spagna , dove il nome del marchio era tradizionalmente un po’ lungo e difficile da pronunciare bene per molte persone, è stata una battaglia un po’ persa. Negli ultimi tempi è stata la casa costruttrice ad abbandonare il segmento delle berline -e delle berline sportive-, concentrandosi solo sui SUV ad eccezione della già citata Space Star. 

5 Pionieri nell’elettrificazione 

E l’ultimo dei 5 mostri di Mitsubishi che pochi conoscono si riferisce all’elettrificazione, dal momento che Mitsubishi è stato un pioniere in questo campo e, soprattutto, nel nostro paese.

Ad esempio, dopo l’accordo siglato con il Gruppo PSA, quasi un decennio fa ha lanciato uno dei primi modelli 100% elettrici visti in Spagna, la Mitsubishi i-Miev , il cui fratello gemello era la Citroën C-Zero . E subito dopo, nel 2013, è apparsa anche la Mitsubishi Outlander nella sua versione PHEV , l’auto che, con un motore termico e un sistema di propulsione elettrica derivato dalla i-Miev, nel nostro Paese ha aperto il varco delle ibride plug-in (oggi , quindi in aumento) e che Auto Bild è stata tra le prime a testare -sempre con l’omologazione giapponese e la guida a destra- nella provincia di Madrid. 

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Range Rover, queste sono le tue auto ibride e questo costo

Cinque pezzi che è meglio comprare in una discarica