in

Hyundai Kona 2021: test, caratteristiche, prezzo e recensione

Dal suo lancio, la Hyundai Kona ha avuto un grande successo. È sempre nelle prime posizioni dei SUV più venduti in Spagna. Il suo restyling vuole continuare quella eredità. Lo abbiamo già provato e abbiamo le nostre prime impressioni.

Non si può negare che la Hyundai Kona abbia colpito la palla subito dopo l’atterraggio. Il segmento B-SUV è sempre più diffuso, è prossimo a superare i suoi fratelli maggiori, e data l’elevata rivalità esistente, distinguersi diventa un fattore, non principale, fondamentale. Per distinguersi ci sono diversi modi per farlo, con un prezzo contenuto, con un design accattivante e con sistemi meccanici all’avanguardia che possono essere assunti da tutti.

La Kona aggiunge quasi tutti e tre i fattori al suo merito. Nessuno può negare che sia appariscente. Ti piace o lo odi, ma indifferente non ti lascerà. È dal momento preciso in cui Hyundai l’ha presentata al mondo, nel lontano 2017. E il suo restyling, il modello che ci interessa in questa prova, lo è ancora di più. Alcuni diranno che è brutto, altri che è strano e parecchi diranno che è bello, ma quello che è chiaro è che è diverso . Diverso da tutti i B-SUV che vediamo sul mercato.

Questa è una buona cosa perché, come ho detto, con tanta concorrenza, camminare con le mezze misure non ti aiuta. O hai un lungo viaggio commerciale alle spalle, come nel caso della Renault Captur , o devi rischiare per attirare l’attenzione. Per i coreani il gioco è andato molto bene perché mese dopo mese la Kona è uno dei loro modelli più venduti . Senza andare oltre, si è classificato all’ottavo posto tra i SUV più venduti nel nostro Paese .

I cambiamenti applicati all’estero sono stati pochi ma ben presentati. La maggior parte si concentra sul naso e alcuni sul posteriore . Da davanti a dietro dobbiamo citare la nuova griglia, i nuovi fari principali (quelli sotto), le luci diurne più strette (quelle sopra), diversi paraurti e una nuova posizione dello stemma, che va dalla griglia alla parte anteriore del cofano . Passando di lato non ci sono modifiche se non per i passaruota anteriori rifiniti in maniera migliore dal cambio dei fari, e le nuove serie di ruote fino a 18 pollici.

La parte posteriore riceve più o meno le stesse modifiche. Nuovi paraurti, passaruota modificati e fari ridisegnati. Quelle superiori (le principali), mantengono le dimensioni ma cambiano la firma leggera. Quelle inferiori cambiano completamente, mantengono la posizione ma migliorano l’integrazione e l’aspetto generale . Con tutto questo si può dire che la Hyundai Kona è ancora “diversa” ma con un tocco più elegante grazie ai migliori elementi rifiniti. Ah, anche i nuovi colori si aggiungono alla tavolozza.

Saltando dentro troviamo anche dei miglioramenti. Non tanto nel design quanto nelle attrezzature e nella tecnologia. Le auto piccole non rifiutano più la tecnologia all’avanguardia e, proprio come il design è importante, anche le attrezzature ottengono punti quando si tratta di aumentare le vendite e la rilevanza. Come ho detto, la disposizione degli elementi non cambia molto, così come la qualità delle finiture . A questo punto devo dire che mi aspettavo un leggero miglioramento al riguardo.

L’uso eccessivo di plastiche dure riduce la sensazione di qualità percepita. È vero che sono plastiche di qualità e ben rifinite, ma speravo che questo restyling fosse valido per introdurre qualche miglioramento in quell’aspetto . Ovviamente il prezzo ha dato il tono. Se si aggiungesse più qualità, il conto finale ne avrebbe risentito, e questo è qualcosa che non ci si può permettere in un segmento dove ogni euro conta. Quindi, per mantenere il prezzo adeguato, la qualità di alcune aree è stata abbassata. Qualcosa di completamente logico e ragionevole.

Succede in tutti i modelli, in alcuni molto di più che in questo, come nel caso della SEAT Arona o della Volkswagen T-Cross. Quindi buona qualità e molte attrezzature. La ristrutturazione del 2021 aggiunge più sistemi a uno dei B-SUV meglio equipaggiati. Esistono diversi livelli di allestimento, dal carico basso a quello alto sono: Klass, Maxx, Tecno, Style Sky, e la nuova N-Line che gli conferisce un look più sportivo . Nella finitura base possiamo già imbatterci in molti elementi interessanti come il sistema multimediale con schermo da 8 pollici con connettività per smartphone o la telecamera per la retromarcia

Ovviamente se saltiamo agli arrivi più alti troveremo tutta la tecnologia che la Kona è in grado di racchiudere nei suoi 4,2 metri di lunghezza e 1,8 metri di larghezza. Lì possiamo evidenziare molti attributi, alcuni esempi sono: fari full LED, cruscotto digitale da 10,25 pollici (nuovo), Head-Up Display, sistema multimediale con touch screen da 10,25 pollici , navigatore, caricatore a induzione, sedili anteriori riscaldati e tutto il possibile assistenti e dotazioni di sicurezza.

Vale a dire, molto, molto equipaggiamento, più degno di un segmento superiore rispetto a un B-SUV. Sinceramente, non ti perderai nulla, ma anche io non credo che sia necessario così tanto in un SUV che a priori è progettato per la città, anche se non ha paura di altri scenari se non il campo dove non si sente per niente confortevole. L’unico inconveniente è il costo aggiuntivo che dovremo pagare per tutti i sistemi. Sicuramente alto considerando la categoria.

Dove non c’è cambiamento è nell’abitabilità interna. Poiché non ci sono cambiamenti nella struttura o nella piattaforma dell’auto, continua ad offrire un ottimo spazio nella fila posteriore, dove tre passeggeri potranno viaggiare con un certo comfort , sebbene saranno limitati dalla distanza delle spalle. Anche la capacità di carico non subisce alterazioni, mantenendo la capacità minima di 374 litri , ridotta a 332 litri nelle versioni elettriche per la presenza delle batterie e dei componenti ausiliari. È un volume leggermente inferiore rispetto ai suoi concorrenti, ma sufficiente per il segmento.

In termini di meccanica, ci sono opzioni per tutti i gusti e colori. La novità sta nella tecnologia a 48 volt . È un sistema ibrido leggero che sta diventando sempre più comune e comune. La DGT lo classifica come veicolo ibrido e grazie a questo ottiene dalla DGT la vantaggiosa etichetta ECO. Tutto ciò che fa questo sistema è massimizzare le prestazioni dei sistemi di assistenza al consumatore come Start & Stop e modalità candela.

Viene fornito di serie sul motore diesel ed è opzionale sulla variante a benzina da 120 cavalli . In questo modo la gamma è strutturata in una variante diesel da 136 cavalli, tre varianti benzina con 120, 141 e 198 cavalli e due motorizzazioni differenti. Un tre cilindri da un litro e un blocco di quattro cilindri e 1.598 centimetri cubi. A queste unità aggiungiamo un ibrido benzina con 141 cavalli, una batteria da 1,56 kWh di capacità e circa due chilometri di autonomia elettrica.

Variante elettrica

La variante più pulita ed ecologica è la Kona Electric . Mantiene la stessa struttura che era già stata presentata e che abbiamo già testato da tempo, ma ovviamente ricevendo le notizie di gamma sopra citate. È caratterizzato da un blocco elettrico da 136 o 204 cavalli che è alimentato da una batteria agli ioni di litio con 39,2 o 64 kWh di capacità, rispettivamente . Offre un’autonomia massima omologata di 484 cavalli e una potenza massima di ricarica di 100 kW, potendo recuperare dallo 0 all’80% della batteria in soli 45 minuti.

La maggior parte delle versioni invia la potenza del motore all’asse anteriore , sebbene le versioni 1.6 TGDI da 198 cavalli possano anche distribuirla tra le quattro ruote attraverso un programma 4×4 su richiesta del guidatore. Anche le opzioni di cambio sono diverse, con una scelta di marce manuali a sei marce o trasmissioni automatiche a doppia frizione a sei marce (ibride) o sette marce. L’unità elettrica ha un proprio sistema di cambio della coppia di ingranaggi e una marcia.

Prima di entrare nei dettagli su come le modifiche applicate una volta che siamo in corso si sentono sulla Kona, diciamo che purtroppo anche i prezzi hanno subito modifiche. Il prezzo di partenza della Hyundai Kona 2021 è di 22.390 euro , senza offerte o promozioni. Questo valore corrisponde a un’unità con motore 1.0 T-GDI da 120 cavalli con cambio manuale e finitura Klass. L’ibrido porta la fattura minima a 27.790 euro, senza promozioni e con finitura Maxx. La più costosa è la Kona Electric con 204 cavalli e 484 km di autonomia. Il suo prezzo parte da 40.650 euro, senza contare offerte o promozioni.

Hyundai Kona 2021 test e recensione

Strutturalmente parlando, la Kona 2021 è esattamente la stessa della Kona 2017. Le modifiche apportate sono state poche, e si riferiscono principalmente alle sospensioni e allo sterzo . Entrambi i componenti sono stati rimontati per offrire una guida più fluida e un migliore equilibrio sul bordo della strada, soprattutto quando si guida a un ritmo veloce.

La verità è che l’auto è più assestata, più raffinata in un tocco normale e più stabilità quando il ritmo è aumentato. Non è ancora un SUV particolarmente dinamico, per questo arriverà il Kona N da 280 cavalli che sembra fenomenale. Il resto delle versioni offre un comportamento già noto e più che provato.

Ciò non significa niente di male perché stiamo parlando di un SUV molto equilibrato ma con un approccio chiaro e confortevole. In altre parole, proprio quello che cerca il tipico cliente di un SUV. Piccolo, facile da manovrare e parcheggiare, poco costoso, economico da mantenere, comodo e sicuro durante le gite . Si potrebbe dire che non risalta in nulla, ma non presenta nessun problema o difetto serio.

La gamma meccanica è molto equilibrata. Come è logico, Hyundai sa che Kona Hybrid sarà il best seller, oltre il 50% delle vendite . Seguono le unità a benzina, con una percentuale maggiore di diesel e Kona Electric. È logico che sia così perché in fin dei conti con l’ibrido convenzionale abbiamo un’auto per tutto, anche con l’etichetta ECO più che pratica se siamo più urbani. Va detto che i coreani non rilasceranno un Kona PHEV, quindi se lo stai aspettando, mi dispiace dirti che non ci sarà.

Le Kona Hybrid ed Electric hanno i paddle al volante che consentono di modificare il grado di frenata rigenerativa

L’opzione ibrida è la più completa, senza dubbio, ma le versioni benzina MHEV possono anche essere un’alternativa molto logica per coloro che non vogliono passare a un’auto ibrida ma sono interessati ad avere l’etichetta ECO. La sua guida è assolutamente normale, così normale che la tecnologia 48V difficilmente verrà notata, anche se un po ‘nei consumi. Buona risposta, consumi corretti e ottima qualità di guida con motori che difficilmente trasmettono vibrazioni all’interno.

E se quello che stiamo cercando è diventare nel modo più efficiente possibile, Kona Electric è una delle migliori decisioni che puoi prendere. Con un’autonomia elettrica al 100% che ti permette di condurre una vita quasi normale, la tua preoccupazione principale sarà ricaricarla di volta in volta. Puoi utilizzare una normale presa domestica con la quale recuperare energia durante la notte . Puoi anche investire un po ‘di più in una presa rinforzata da 3,2 kWh e sarebbe perfetto. È anche possibile mettere caricatori più grandi, ma ognuno dovrà fare una contabilità per vedere se gli va bene.

Sicuramente stai pensando che cosa succede quando andiamo in vacanza. Se acquisti un’auto elettrica da Hyundai, hai un’auto a combustione riservata per 15 giorni all’anno . Così puoi dimenticarti dei lunghi viaggi e scappare dove vuoi. È positivo che Hyundai abbia pensato di fornire soluzioni reali e fattibili. Sappiamo tutti che l’elettrico ha i suoi svantaggi, ma se il marchio ti aiuta a minimizzarli, benvenuto.

La scelta tra l’una o l’altra meccanizzazione dipenderà dai gusti, dallo stile di vita e dal denaro di ciascuna. L’offerta è lì per soddisfare una vasta gamma di possibilità. La raccomandazione è di optare per quelle versioni che offrono il minor numero di limitazioni possibili, e lì vincono la Kona Hybrid o la 1.0 TGDI da 120 cavalli con sistema MHEV . Due opzioni con tutta la logica che sicuramente diventeranno le unità più vendute.

Conclusioni

È logico e normale che Hyundai Kona sia un bestseller. In casa è secondo solo all’onnipotente Hyundai Tucson . Offre tutto ciò che potrebbe essere necessario e un po ‘di più. Il restyling gli si è adattato molto bene sotto tutti gli aspetti . Nuovo design ma senza perdere quel tocco diverso, più equipaggiamento, più tecnologia, autonomia meccanica di ultima generazione e una guida molto più matura. Molti sono i fattori positivi.

Se lo confrontiamo con le rivali dello stesso segmento, non si distingue soprattutto in nulla, ma non presenta nemmeno alcun difetto serio. Convince per la sua versatilità e la sua capacità di adattarsi alle esigenze di molti clienti. Forse il meno positivo è l’alto prezzo di vendita della Kona Electric o la differenza di prezzo della Kona Hybrid con la meccanica convenzionale . Ma alla fine della giornata sono i prezzi correnti per il segmento e l’industria. L’elettrificazione è costosa, ma almeno in questo caso paga.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Hyundai Ioniq 5, il teaser del CUV elettrico: data uscita, caratteristiche e prezzo

Lancia Ypsilon 2021: caratteristiche, recensione e prezzo