in

Shell verso l’Infrastruttura per Veicoli Elettrici

Shell verso l’Infrastruttura per Veicoli Elettrici

Il 20 marzo 2024, Shell ha annunciato una radicale strategia di transizione energetica, orientando decisamente le sue operazioni verso soluzioni energetiche più pulite. Impegnata a guidare la decarbonizzazione dei trasporti, Shell sfrutta la sua presenza globale e le sue capacità innovative per rispondere alle crescenti esigenze dei clienti e dell’ambiente.

Espansione delle Reti di Ricarica per Veicoli Elettrici: Un Approccio Orientato al Futuro

Il settore automobilistico è a un bivio: circa 1,3 miliardi di auto a livello globale consumano un quarto della produzione mondiale di petrolio ogni giorno. Il mercato dei veicoli elettrici (EV) sta rispondendo con una crescita rapida, passando da meno del 3% delle vendite di nuove auto nel 2018 al 18% nel 2023, con il numero di EV in circolazione previsto in aumento da 40 milioni oggi a 275 milioni entro il 2030.

La Cina guida questa espansione, offrendo opzioni EV accessibili, seguita da Europa e USA. L’espansione dell’infrastruttura di ricarica emerge come un fattore chiave per sostenere questo passaggio verso la mobilità elettrica.

Al centro della strategia di Shell vi è l’espansione della sua infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici.

Riconoscendo la crescita rapida degli EV come un elemento cruciale nella riduzione delle emissioni, Shell prevede di aumentare i suoi punti di ricarica pubblici. Con circa 54.000 punti di ricarica pubblici alla fine del 2023, Shell è sulla buona strada per incrementare questo numero a circa 70.000 entro il 2025 e mira a un obiettivo ambizioso di 200.000 entro il 2030. Questa espansione è in linea con l’aumento globale nell’adozione degli EV e soddisfa la crescente domanda di opzioni di ricarica accessibili e comode.

Disinvestimenti Strategici e Adattamento al Mercato

Shell verso l'Infrastruttura per Veicoli Elettrici

La strategia di Shell include la dismissione di circa 500 siti di proprietà Shell (inclusi joint venture) annualmente nel 2024 e 2025. Questa decisione riflette un cambio strategico verso mercati con una maggiore domanda di soluzioni a basso tenore di carbonio, come Cina, Europa e USA. Allineando il suo portafoglio con le mutevoli esigenze dei suoi clienti e il più ampio panorama energetico, Shell mira a mantenere la sua leadership nel settore energetico, navigando efficacemente nella transizione verso un’economia a basso tenore di carbonio.

La più grande stazione di ricarica EV di Shell al mondo, situata a Shenzhen, Cina, esemplifica gli sforzi dell’azienda in questo settore. Dotata di 258 punti di ricarica rapida e parzialmente alimentata da pannelli solari sul tetto, questa struttura evidenzia l’impegno di Shell nell’integrare fonti di energia rinnovabile nelle sue operazioni, fornendo un modello per gli sviluppi futuri.

Gli esecutivi di Shell, inclusi il Presidente Sir Andrew Mackenzie e il CEO Wael Sawan, credono fermamente nella direzione strategica dell’azienda. Sottolineando l’importanza dell’innovazione e della portata globale, Shell mira a sfruttare le sue capacità per fornire soluzioni energetiche a basso tenore di carbonio che soddisfino le esigenze attuali e aprano la strada a un futuro più pulito e sostenibile. Tesla potrebbe trovare un po’ di concorrenza nel diventare la “stazione di servizio” del futuro.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
BYD Lancia un Veicolo Ibrido Ricaricabile con 2.000 km di Autonomia?

BYD Lancia un Veicolo Ibrido Ricaricabile con 2.000 km di Autonomia?

Meccanico aperto domenica a Cesate : tutti gli indirizzi

Meccanico aperto domenica a Cesate : tutti gli indirizzi