in

I 5 peggiori rivali della Jeep Compass 2022

Jeep ha appena presentato l’aggiornamento che aveva preparato per la seconda generazione di Jeep Compass e che ha portato a una serie di tocchi estetici esterni, una cabina completamente ridisegnata, una dose considerevole di tecnologia e un’offerta meccanica che include opzioni per la benzina, diesel e ibridi plug-in. È diventato così un SUV completamente rinnovato per affrontare la concorrenza. Questi sono i 5 peggiori rivali della Jeep Compass 2022.

I 50 migliori SUV sul mercato

Dacia Duster

Partiamo da un modello più abbordabile del nordamericano, cosa che non gli impedisce di presentare serie credenziali. Il Dacia Duster è un SUV facile da guidare che si caratterizza per offrire un abitacolo spazioso; Con il passare del tempo e l’arrivo di nuove generazioni o aggiornamenti, ha guadagnato in design, qualità, finiture e tecnologia. A suo favore c’è la sua meccanica e, soprattutto, il suo prezzo. Disponibile con motori benzina, diesel e GPL, offre, allo stesso tempo, la possibilità di dotarlo di trazione integrale. Qualcosa che si combina perfettamente con la sua altezza da terra di 21 centimetri e angoli di attacco e di uscita abbastanza buoni.

Kia Sportage

La prossima rivale della Jeep Compass 2022 è la Kia Sportage . Il modello sudcoreano è stato concepito per la strada, ma questo non ti impedisce di lasciarlo fintanto che non scegli un’ambientazione troppo ruvida. È una buona alternativa per chi ha bisogno di spazio e comfort per coprire lunghe distanze: è spaziosa, comoda e, soprattutto, pratica. Il suo bagagliaio è molto capace e offre soluzioni come reclinare la fila posteriore. A questo va aggiunto un buon rapporto qualità prezzo, una gamma di motori con versioni benzina, diesel e micro-ibrida e la rinomata garanzia di 7 anni o 150.000 chilometri.

Nissan Qashqai

Continuiamo con un classico del segmento SUV: la Nissan Qashqai . Un modello che si caratterizza per la sua versatilità, qualcosa che è riuscita a mantenere recuperando terreno. È cresciuto leggermente in tutte le sue dimensioni, dando vita a un abitacolo e un bagagliaio leggermente più ampi: la fila posteriore guadagna spazio per la testa e ora la sua capacità di carico oscilla tra 450 e 504 litri. La sua offerta meccanica è composta da due versioni a benzina differenziate per il loro livello di potenza (140 e 158 CV), che includono un sistema di ibridazione leggera. Non passerà molto tempo prima che arrivi la Nissan Qashqai e-Power, la variante ibrida.

Peugeot 3008

Continuiamo con la Peugeot 3008 , un modello che si caratterizza per offrire una guida confortevole. Il marchio francese è riuscito a concentrarlo in modo che sia un’auto raffinata e rilassata quando si tratta di affrontare chilometri su strada. Sebbene il suo aspetto possa cogliere le tendenze di un fuoristrada, la verità è che può affrontare avventure fuoristrada con determinati limiti. Per questo è stata dotata di una gamma composta da due motori a benzina, tre opzioni per il diesel, versioni ibride plug-in e una elettrica.

Seat Ateca

Concludiamo con il primo SUV del marchio spagnolo: la Seat Ateca , un modello che, sin dall’inizio, ha saputo coniugare la versatilità del proprio segmento con le capacità della compatta. Si distingue per il design, per i diversi livelli di equipaggiamento che offre e per avere numerose opzioni meccaniche sia per chi cerca un motore a benzina sia per chi predilige un diesel. Un set che si conclude con un prezzo competitivo per poter affrontare i suoi rivali.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
SUV più affidabili

Cinque auto che faranno tendenza nel 2021

suv di lusso

Otto tipi di rimorchi di cui potresti aver bisogno