in

Volkswagen ID Buzz: specifiche e caratteristiche

Volkswagen ID Buzz

Vediamo insieme il Volkswagen ID Buzz. Sono passati quasi 80 anni da quando il Volkswagen Microbus, o Kombi, è uscito per la prima volta dalla catena di montaggio di Wolfsburg in Baviera. Destinato a diventare un veicolo iconico della controcultura degli anni Sessanta, il caratteristico veicolo a forma di pagnotta alla fine si è scontrato con una mischia politica sui polli.

Ora è tornato in una reincarnazione completamente elettrica. Volkswagen prevede di rilasciare il microbus ID. Buzz EV negli Stati Uniti nel 2024.

Dai un’occhiata anche alle migliori auto di quest’anno, con il miglior rapporto qualità/prezzo

Volkswagen è piena di ottimismo stellato sulle vendite future di Buzz in America.

Posti a sedere 7 passeggeri e guardando la parte di un Microbus Volkswagen, l’ID. Buzz è anche popolare tra i recensori. L’autobus elettrico VW appare accanto a un nuovo allestimento standard economico prodotto negli Stati Uniti del crossover Volkswagen ID.4 EV.

Tra la Buzz e la ID.4, è chiaro che la casa automobilistica tedesca sta facendo una grande spinta EV in Nord America. Anche se le vendite non corrispondono alle rosee aspettative di Volkswagen, il microbus ID. Buzz aggiunge un’altra opzione interessante per i conducenti di veicoli elettrici americani. Ecco cosa sappiamo finora.

6 Brevi fatti sull’autobus elettrico Volkswagen

  • L’autobus elettrico Volkswagen ID. Buzz può ospitare 7 persone e ha anche un sacco di spazio di carico.
  • La batteria da 77 kWh dell’European Buzz offre un’autonomia di 264 miglia, ma Volkswagen prevede una batteria più grande per l’America.
  • Le caratteristiche interne di Buzz includono una serie di materiali eco-compatibili.
  • Gli spunti stilistici di Buzz ricordano il Microbus originale, incluso un lavoro di verniciatura bicolore.
  • La società spera di vendere 120.000 veicoli elettrici all’anno.
  • Il microbus Volkswagen ID. Buzz EV dovrebbe essere disponibile nel 2024.

Volkswagen ID. Buzz Scheda Tecnica

Capienza
7 Persone

Gamma
264+ miglia, possibile 342 miglia

0-60 volte
7,7 secondi (RWD), 5,5 secondi (AWD)

Velocità massima
90 mph

80% Tempo di ricarica
30 minuti (170 kW)

Spazio di carico
77.9 piedi cubi

Prezzo
Da $ 55.000 a $ 60.000 (stimato)

Data di pre-ordine negli Stati Uniti
2023

Data di uscita USA
2024

Volkswagen ID. Buzz: dove acquistare

Le consegne di Buzz inizieranno nel 2024, anche se i preordini potrebbero aprirsi nel 2023 negli Stati Uniti. Gli acquirenti canadesi potranno effettuare prenotazioni nel 2022 sulla piattaforma di shopping VolksKlick. I clienti possono scegliere, personalizzare e prenotare il proprio VW ID. Microbus Buzz online. La commissione di prenotazione pagata va verso il prezzo di acquisto una volta che l’EV sarà finalmente pronto nel 2024. Volkswagen nota che è necessario recarsi presso un concessionario fisico per firmare i documenti e prendere in consegna il Buzz. Alcune permute sono accettate come un modo per ridurre il costo del microbus. La società non dice ancora quale importo imposterà per la commissione di prenotazione di Buzz.

Per i clienti statunitensi, il sito web Volkswagen offrirà probabilmente un processo di prenotazione equivalente. La rivelazione di Buzz non è prevista fino al 2023 con una data di uscita nello showroom del 2024. Il sito Volkswagen consente ai clienti di scegliere una “costruzione” per i suoi veicoli e selezionare un concessionario per ulteriori contatti. Il Buzz sarà probabilmente disponibile presso i concessionari che trasportano veicoli Volkswagen, insieme alla spedizione ai concessionari locali. Ci sono circa 600 concessionarie VW attualmente operative.

Gli acquirenti idonei possono ottenere finanziamenti per i veicoli elettrici Volkswagen direttamente attraverso il programma di credito Volkswagen. Le opzioni includono il leasing del veicolo o l’acquisto a titolo definitivo. Gli acquirenti possono eseguire gran parte del processo di richiesta online, passando attraverso un’approvazione condizionata. Il sito Web genera quindi documenti stampabili da portare alla concessionaria per finalizzare il credito Volkswagen per il leasing o l’acquisto.

La storia del Volkswagen ID Buzz: cosa sapere

I semi per l’ID. Buzz microbus sono stati seminati nei primi anni ’50 quando Volkswagen ha sviluppato il primo Microbus “Kombi”. Ufficialmente noto come Tipo 2, il Microbus è stato il primo minivan passeggeri al mondo. L’uomo d’affari olandese Bernardus Miradus Pon, noto anche come Ben Pon, è stato il primo rivenditore di auto a iniziare ad esportare Volkswagen al di fuori della Germania. Pon ebbe l’idea del Microbus nel 1947 e inviò uno schizzo alla Volkswagen. Gli ingegneri tedeschi hanno perfezionato il design utilizzando una galleria del vento per migliorare l’aerodinamica, dando vita al Tipo 2. Il furgone era in realtà un po ‘più aerodinamico del Maggiolino.

Il Microbus, che presto riceverà un aggiornamento al nuovo design T1, è stato un grande successo fin dall’inizio. La gente pensava che il veicolo avesse un aspetto amichevole ed era il primo veicolo passeggeri economico in grado di trasportare più occupanti di un’auto standard. Come riporta History.com, il Microbus ha ottenuto un’enorme quantità di trazione negli anni Sessanta con l’arrivo del movimento hippie. Gli hippy amavano l’autobus VW sia per il suo basso costo sia perché poteva trasportare un intero gruppo in modo efficiente. Che si tratti di andare a un concerto rock o a una protesta politica, il grosso veicolo ha svolto il lavoro in modo affidabile. Come molte Volkswagen prima e dopo, era resistente, resistente e aveva un interno decentemente confortevole. I proprietari hanno anche decorato le sue ampie superfici piatte con murales dipinti a mano, simboli di pace, slogan e altre opere d’arte individualizzate.

Il periodo di massimo splendore originale del Microbus finì in parte a causa di un battibecco politico sui polli. Secondo il New York Times, una lotta sulle esportazioni di pollo ha fatto sì che il presidente Lyndon Johnson si vendicasse contro la Germania mettendo una tariffa del 25% sui camion leggeri di fabbricazione tedesca. Ciò includeva il Microbus, rendendolo molto meno conveniente e di conseguenza meno attraente per i giovani acquirenti che in precedenza guidavano le sue elevate vendite.

Il ritorno del microbus

Anche se la cosiddetta guerra dei polli ha fatto bloccare le importazioni di VW Microbus e alla fine la coda, alla gente piacevano ancora i loro Microbus. Un certo numero di “Barndoors” originali sono ancora sulla strada, mantenuti in funzione per molti anni per nostalgia e popolarità. Volkswagen ha inventato l’ID. Buzz perché pensa che l’entusiasmo originale possa essere riacceso. Potrebbe anche credere che gli acquirenti di auto elettriche siano gli stessi tipi di controcultura a cui piaceva l’originale “autobus”.

Il CEO di VW della divisione autovetture Ralf Brandstaetter, citato da Jalopnik, afferma che “ID. Buzz è stato incredibilmente ben accolto negli Stati Uniti, dove è anche un po ‘una figura di culto”. Ha anche detto che l’originale Microbus evoca “una nuova sensazione di libertà automobilistica, indipendenza e grande emozione”. Volkswagen ha progettato il Buzz per aggiornare il Microbus in un moderno EV, mantenendo lo spirito e l’aspetto dell’originale.

Jozef Kaban, capo progettista di Volkswagen, ha dichiarato in un comunicato stampa che l’ID. Buzz è stato sviluppato direttamente dal T1. Dice che il “DNA” del design originale è nel nuovo EV, che avrà il carisma del Microbus. Sarà anche “senza tempo, sostenibile e tuttavia anche estremamente funzionale”.

Volkswagen si aspetta che l’ID. Buzz sia molto popolare con vendite di almeno 120.000 all’anno.

Volkswagen ID Buzz Microbus: ogni edizione

Volkswagen sta costruendo almeno tre modelli della ID. Buzz, un passo corto (SWB), passo lungo (LWB) e Cargo. La società venderà il passo corto a 5 passeggeri Buzz in Europa. Gli Stati Uniti avranno solo la variante a passo lungo con tre file di posti a sedere e un totale di 7 occupanti.

Si parla anche di una batteria più grande e quindi di una maggiore autonomia per la variante USA. Mentre questo si adatterebbe agli ampi spazi aperti dell’America rispetto alle dense città d’Europa, i dettagli esatti non sono noti finora. Ecco cosa sappiamo dell’ID. Buzz e delle sue possibili varianti.

Estetica del design

L’ID. Buzz cattura l’aspetto del Microbus originale con il suo contorno “breadloaf”. I nuovi modelli sono più snelli per l’efficienza aerodinamica e quindi l’autonomia. Ma gli ingegneri di Buzz sono riusciti a riportare in vita l’estetica distintiva del Microbus in una nuova generazione.

Volkswagen rende la ID. Buzz un frontale che imita da vicino l’originale, che secondo l’azienda “crea istantaneamente vibrazioni positive con il suo caratteristico sorriso”. I progettisti hanno montato grandi badge VW rotondi anteriori e posteriori come sul bus precedente. Il Buzz è disponibile in una gamma di colori a tinta unita, ma anche in diversi lavori di verniciatura bicolore. La vernice bicolore presenta una metà superiore bianca con la metà inferiore gialla, blu metallizzato, arancione metallizzato o verde.

I costruttori di Buzz hanno aggiunto alcuni nuovi svolazzi estetici high-tech agli interni. Chiarire che questo è un 21San secolo EV, la cabina include un’illuminazione ambientale a 10 colori con strisce di illuminazione attorno a varie caratteristiche interne.

Alimentazione, autonomia e ricarica

Volkswagen afferma che la ID. Buzz rilasciata in Europa ha un’autonomia di 264 miglia attingendo alla sua batteria da 77 kWh. La versione americana dovrebbe avere almeno questa autonomia, anche se le voci e alcune dichiarazioni Volkswagen indicano che potrebbe presentare una batteria più grande. Se una batteria più grande viene fornita di serie, l’autonomia potrebbe essere spinta vicino a 300 miglia, o forse anche al di sopra su finiture più alte. Motor1 cita fonti che dicono che alcune varianti potrebbero vantare 342 miglia di autonomia.

Il motore elettrico di base del Buzz sviluppa 201 cavalli e 221 ft-lbs di coppia. Volkswagen ha già testato e rilasciato tempi 0-60 mph, come riporta InsideEVs. I soli modelli a trazione posteriore (RWD) raggiungeranno i sessanta in 7,7-7,8 secondi. Gli allestimenti a trazione integrale (AWD) più potenti passeranno da 0 a 60 in 5,7-5,8 secondi.

Proprio come la Volkswagen ID.4, la Buzz include un’architettura di ricarica elettrica da 170 kW. Ciò significa che non può ottenere il massimo vantaggio dai caricabatterie CC di livello 3 più veloci con potenze di 350 kW. Tuttavia, anche con una ricarica limitata a 170 kW, sono necessari solo 30 minuti per passare dal 5% all’80% di carica.

Elettronica

L’interfaccia di controllo e infotainment di Buzz è un touchscreen montato sul cruscotto da 10 pollici. Finiture più alte o pacchetti interni opzionali lo sostituiscono con uno schermo da 12 pollici leggermente più grande. Altri controlli, come il climatizzatore, sono suddivisi in pulsanti separati per facilità e velocità di utilizzo. Il touchscreen è aggiornato, ma come in altri veicoli Volkswagen alcuni recensori segnalano che i menu possono essere goffi da usare.

È inclusa una gamma completa di software e dispositivi di assistenza alla guida per la sicurezza e una guida più fluida. Il cambio di corsia assistito consente ai conducenti di cambiare corsia in modo semplice e sicuro utilizzando l’indicatore di direzione. Il Microbus EV dispone anche di assistenza al mantenimento della corsia, cruise control adattivo che abbina la velocità al traffico circostante e avvisi di deviazione dalla corsia. I sensori di Buzz monitorano pedoni e ciclisti nelle vicinanze, la reazione con avvisi di collisione e la frenata automatica di emergenza per evitare incidenti.

Volkswagen afferma di fornire aggiornamenti wireless ai sistemi software di ID. Buzz EVs.

Spazio interno e praticità

Il microbus ID. Buzz EV presenta materiali eco-compatibili al suo interno, senza pelle utilizzata da nessuna parte. Plastiche e tessuti riciclati sono utilizzati ovunque. I tester, come quelli di Jalopnik, dicono che i sedili sono comodi sia nella prima che nella seconda fila. L’interno comprende molti vani portaoggetti, vassoi pieghevoli e una console centrale rimovibile che raddoppia come un raschietto per il ghiaccio. Sono disponibili sedili massaggianti e l’interno offre molto spazio libero, con un buon spazio per la testa, spazio per le gambe e visibilità.

Lo spazio di carico per la versione a passo corto del Buzz è di 39,6 piedi cubici, mentre la variante Cargo vanta 117 piedi cubici. La versione a passo lungo, l’unica inizialmente offerta in America, ha 77,9 piedi cubici con tutte le file di posti a sedere dietro la prima ripiegata.

Sebbene i dettagli siano ancora scarsi, Volkswagen pianifica anche un’incarnazione California Camper della ID. Buzz. La società intende rilasciarlo dopo il 2025 con un layout interno dedicato al campeggio.

Prezzo

Volkswagen probabilmente non rilascerà prezzi specifici per i modelli statunitensi della ID. Buzz fino al 2023. Tuttavia, sulla base dei prezzi praticati in Europa, CNET e altre fonti stimano un prezzo base da $ 55.000 a $ 60.000. Se Volkswagen costruisce il microbus ID. Buzz negli Stati Uniti e utilizza la stessa fonte di batteria del crossover ID.4 EV, probabilmente si qualificherà per l’intero credito di $ 7.500 per veicoli puliti ai sensi dell’Inflation Reduction Act.

La risposta del pubblico

Con i preoders non ancora aperti negli Stati Uniti o in Canada, la domanda nordamericana di Buzz è difficile da determinare. Tuttavia, sta vendendo fortemente in Europa. Zack’s Equity Research rivela dati che mostrano che 12.500 delle 15.000 prenotazioni disponibili per il 2022 erano già esaurite a fine settembre. La casa automobilistica tedesca sta già rafforzando le sue linee di produzione e il programma per soddisfare la forte domanda prevista.

Il Buzz potrebbe anche essere un vincitore negli Stati Uniti. Non ha molti furgoni EV con cui competere attualmente, e il suo design e il suo aspetto attingono alla forte nostalgia di Microbus. I revisori dei siti di recensioni e notizie professionali sono fortemente positivi sull’ID. Buzz, segnalando che è comodo, fluido e spazioso. A parte alcuni fastidiosi problemi con un’interfaccia touchscreen troppo complicata, l’ID. Buzz EV microbus sembra che potrebbe essere un ingresso forte nella gamma elettrificata di Volkswagen.

Volkswagen ID. Buzz: rilascio, specifiche, prezzo, autonomia e altre domande frequenti (domande frequenti)

Cos’è il Volkswagen ID. Buzz?

L’ID. Buzz è un minivan a 5 o 7 posti costruito come modernizzazione elettrificata dei modelli Microbus Volkswagen Type 2 e T1. Il veicolo presenta un contorno squadrato, molti spunti stilistici dall’originale, uno sbalzo anteriore e posteriore corto e molto spazio interno.

Qual è la portata dell’ID. Buzz?

La gamma di modelli attuali è di 264 miglia. Tuttavia, più fonti affermano che la versione americana potrebbe avere una batteria più grande, almeno in alcuni allestimenti, fornendo un’autonomia di 342 miglia.

Qual è la velocità massima dell’ID. Buzz?

L’ID. Buzz è impostato per avere una velocità massima di 90 mph.

Il Buzz ha un frunk (baule anteriore)?

No, Volkswagen ha omesso un frunk per mantenere lo sbalzo anteriore corto.

L’ID. Buzz EV soddisferà gli standard di credito d’imposta dell’Inflation Reduction Act?

The Buzz dovrebbe soddisfare i requisiti di prezzo della legge, che stabilisce un limite massimo di prezzo di $ 85.000 per furgoni, minivan, camioncini e SUV. Se si qualifica o meno per il credito d’imposta, tuttavia, dipende anche da dove avviene l’assemblaggio finale e la produzione di batterie. Se il Buzz è costruito negli Stati Uniti come il prossimo standard ID.4, dovrebbe beneficiare di un credito d’imposta di $ 7.500.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Colonnina ricarica Mercedes

Colonnina ricarica Mercedes: prezzo e come funziona

BMW Serie 5

BMW Serie 5: tutto sul modello 2023