in

Auto ibride con etichetta ECO: top 2023

Oggi ci sono numerose opzioni di mobilità, come ad esempio le auto ibride con etichetta ECO, e sono così tante che sceglierne una può essere un vero mal di testa. Una delle più interessanti è quella delle auto ibride, un tipo di meccanica che può essere la scelta logica se non siamo ancora pronti a fare il salto a un 100% elettrico ma vogliamo comunque godere di alcuni vantaggi dell’etichetta ECO che la DGT dà a questo tipo di veicoli.

Dai un’occhiata anche alle migliori auto di quest’anno, con il miglior rapporto qualità/prezzo

Per poter scegliere l’opzione giusta senza dover scrutare il mercato fino alla sazietà, oggi vi proponiamo una guida con le 20 auto ibride con etichetta ECO più economiche sul mercato.

I criteri da seguire sono semplici, poiché sono raggruppati in base al prezzo, alla motorizzazione e al tipo di etichetta, coprendo questi tre requisiti con un basso esborso, una meccanica ibrida non plug-in e, naturalmente, l’etichetta ECO.

Auto ibride con etichetta ECO: Utilitarie

Le utilitarie sono una delle alternative più interessanti quando si acquista un veicolo ibrido e persino elettrico. Questo perché il suo approccio puramente urbano è idilliaco per portare l’etichetta ECO e anche ZERO, potendo godere di importanti vantaggi all’interno della città, come la riduzione del parcheggio, la mobilità e gli sconti.

Mazda 2 hybrid

La Mazda 2 Hybrid arriva come un’opzione parallela alla Mazda 2 convenzionale che mira a fare ancora più senso per affrontare il mondo urbano. Grazie al suo marchio ECO e ai suoi bassi consumi, l’utilitaria giapponese diventa una delle opzioni più interessanti del segmento senza ricorrere a un’auto elettrica.

Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento Utility troverà nell’Opel Corsa-e elettrica un’alternativa alla Mazda 2 ibrida, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Etichetta ECO, consumo, affidabilità meccanica

CONTRO
Sistema di infotainment, più costoso di una Toyota Yaris nonostante sia la stessa auto

Renault Clio Hybrid

La Renault Clio ibrida e-Tech è la variante ibrida dell’urbano francese, con una tecnologia all’avanguardia e un sistema ibrido non plug-in che promette di poter circolare in città fino all’80% del tempo in modalità elettrica, offrendo anche un incredibile cambio e un’efficienza con cui far dimenticare ai clienti il diesel.

Con uno dei sistemi ibridi più intelligenti e avanzati sul mercato, la Renault Clio Hybrid dimostra la sua efficienza soprattutto su strade interurbane, dove è in grado di circolare quasi in qualsiasi momento in modalità elettrica senza. che questo significa una diminuzione del comfort o delle prestazioni.

La Renault Clio Hybrid, nonostante sia più costosa dell’Opel Corsa, gode di una maggiore popolarità tra gli acquirenti di questo tipo di veicoli.

PRO
Efficienza, tecnologia, capacità di guida in modalità elettrica, etichetta ECO

CONTRO
Immagine poco differenziata, consumo in città un po’ alto per quello che ci si aspetta

Toyota Yaris Hybrid

Etichetta ECO per un polivalente comodo e interessante per uso urbano. Può avere un sacco di attrezzature, si parcheggia facilmente e si trova pratico

La Toyota Yaris Hybrid è uno dei migliori acquisti per la città: il suo sistema ibrido è estremamente efficiente, offrendo consumi irrisori in quasi tutte le situazioni. Ha anche l’etichetta ECO della DGT.

Sia Toyota Yaris Hybrid che Opel Corsa appartengono alla stessa categoria Utility, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente anche se con evidenti differenze estetiche, livelli di finitura e/o motorizzazioni.

PRO
Silenzio in modalità elettrica, comfort, possibilità di equipaggiamento

CONTRO
Cambio CVT rumoroso nelle accelerazioni, interno qualcosa di giusto, prezzo elevato

Honda Jazz Hybrid

La Honda Jazz Hybrid non abbandona l’idea di diventare un piccolo monovolume urbano, tuttavia, con una tecnologia ibrida all’avanguardia che, tuttavia, non può essere collegata.

La Honda Jazz Hybrid risponde alle esigenze di tutti coloro che sono alla ricerca di un’auto con un approccio eminentemente urbano ma che, tuttavia, non vogliono rinunciare a un abitacolo particolarmente ampio. Naturalmente, solo con una meccanica ibrida non plug-in.

La Honda Jazz ibrida, più economica della Opel Corsa-e elettrica, è uno dei modelli più popolari nella sua categoria.

PRO
Qualità costruttiva, praticata, etichetta ECO DGT

CONTRO
Prestazioni, dinamica di guida

Auto ibride con etichetta ECO: Compatte

Il segmento dei compatti si pone anche come un’opzione molto logica per ricorrere a una meccanica ibrida. Questo perché continuano a offrire le dimensioni giuste per affrontare diligente il mondo urbano e, a sua volta, abbastanza per fare viaggi in autostrada e godere di un consumo contenuto

Hyundai Ioniq Hybrid

La Ioniq diventa il primo rivale diretto della Toyota Prius per concetto. Cinque porte, potenza media e bassi consumi ad un prezzo inferiore, con l’extra di avere versioni ibride convenzionali e ibride plug-in con più di 50 chilometri di autonomia elettrica.

Il grande rivale della Toyota Prius è un’eccellente alternativa per coloro che cercano una berlina compatta, con un aspetto convenzionale e attraente e un gruppo propulsore molto efficiente il cui funzionamento, tuttavia, non differisce dal funzionamento di un veicolo tradizionale, potendo optare anche per la variante ibrida plug-in con etichetta ZERO della DGT.

Tra i modelli più popolari del segmento troviamo la Hyundai Ioniq Hybrid, anche se la Opel Astra è anche una delle opzioni più apprezzate.

PRO
Rapporto prezzo/attrezzatura, cambio automatico di tocco piacevole, efficienza in città

CONTRO
Plastiche interne, prestazioni eque

Toyota Corolla Hybrid

La nuova Toyota Corolla è un eccellente successore dell’Auris che migliora in termini di design, presentazione, qualità delle finiture e possibilità di equipaggiamento. Offerto esclusivamente con motori ibridi e sempre con una ricca dotazione di serie.

Il riferimento nel segmento dei compatti ibridi rimane questo, un riferimento, un punto da guardare se stiamo cercando un veicolo molto polivalente con consumi di prim’ordine, aggiungendo ora forme e dinamiche molto più attraenti.

La Toyota Corolla Hybrid, più economica della Opel Astra ibrida, è uno dei modelli più popolari nella sua categoria.

PRO
Qualità di completamento, attrezzature di sicurezza, motore 196 CV

CONTRO
Cambio CVT, senza opzioni di personalizzazione

Suzuki Swace SW Hybrid

La prima Suzuki 100% ibrida arriva solo con una carrozzeria familiare dopo uno stretto accordo di collaborazione con Toyota, con solo 122 CV.

Il fratello -quasi- gemello della Toyota Corolla Touring Sports diventa una scelta eccellente per coloro che cercano un familiare con una meccanica ibrida all’esterno di Suzuki ma vogliono mantenere l’affidabilità e l’efficienza degli ultimi ibridi del produttore giapponese.

Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento Compact Family troverà nella Peugeot 308 SW un’alternativa alla Suzuki Swace SW Hybrid, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Affidabilità meccanica, equipaggiamento di serie, spazio

CONTRO
Prestazioni, cambio CVT

Auto ibride con etichetta ECO: SUV

I SUV sono candidati come l’auto di moda, e la verità è che si sono anche arresi di fronte ai motori ibridi. In questo modo, possiamo trovare alternative in questo segmento massiccio portando l’etichetta ECO della DGT per mano di una meccanica in cui si trovano sia un motore a combustione che un motore elettrico.

Toyota Yaris Cross ibrido

L’opzione più camper di Toyota per il segmento B si distingue per essere in grado di includere il sistema di trazione integrale a quattro ruote se il cliente lo desidera. È interessante per l’equipaggiamento completo di serie e l’etichetta ambientale ECO del suo motore ibrido

Se vuoi analizzare più in dettaglio le differenze e le somiglianze tra Toyota Yaris Cross Hybrid e Opel Crossland, puoi farlo nel confronto diretto di entrambi i modelli. Sia Toyota Yaris Cross Hybrid che Opel Crossland appartengono alla stessa categoria SUV Mini, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente anche se con evidenti differenze estetiche, livelli di finitura e/o motorizzazioni.

PRO
Trazione integrale opzionale, etichetta ECO, dotazione

CONTRO
Prezzo elevato, prestazioni un po’ giuste

Hyundai Kona Ibrido

La versione ibrida si distingue per il suo equilibrio generale, godendo di prestazioni corrette, consumi stretti e il comfort della sua scatola a doppia frizione. Per prezzo è ben posizionato rispetto ad altri rivali diretti grazie a una dotazione molto completa Se sei interessato puoi dare un’occhiata a tutte le informazioni sulla Hyundai Kona Hybrid

Mantenendo il design personale e accattivante delle versioni convenzionali, la Hyundai Kona nella sua versione ibrida aggiunge un plus in termini di efficienza e consumo, risultando in un piccolo SUV con cifre di prestazioni più che corrette anche se, tuttavia, un po’ peggiori di quelle di altri rivali della concorrenza come la Toyota C-HR.

Controlla il confronto tra Hyundai Kona Hybrid e Opel Crossland e controlla i punti salienti di ogni modello. Sia Hyundai Kona Hybrid che Opel Crossland appartengono alla stessa categoria SUV Mini, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente anche se con evidenti differenze estetiche, livelli di finitura e/o motorizzazioni.

PRO

Consumi, etichetta ECO, attrezzatura completa

CONTRO

Autonomia elettrica limitata, prezzo senza offerte

Kia Niro Ibrido

La seconda generazione del SUV ibrido di Kia si distingue per il suo buon rapporto prezzo-prodotto, e un interno piuttosto spazioso. Esteticamente è anche molto attraente, offrendo versioni ibride convenzionali e ibride plug-in.

Ricorda che hai diverse opzioni per prendere la tua auto, da quella di una Kia Niro Ibrido di seconda mano, una Kia Niro Ibrido stock/km0 con un massimo di 12 mesi e meno di 2000 km o anche una Kia Niro Ibrido a noleggio a partire da 443 €.

Quello che è uno dei SUV ibridi più riequilibrati sul mercato ed è anche una delle opzioni più intelligenti per coloro che cercano un crossover che consuma poco, che abbia un sistema a motore avanzato e che, inoltre, soddisfi le esigenze di spazio di una famiglia media. Naturalmente, non è né il più veloce né il miglior finito, ma non si può avere tutto. Per chi lo usa per città, la versione ibrida plug-in moltiplica l’autonomia in modalità elettrica.

Controlla il confronto tra Kia Niro Hybrid e Opel Grandland e controlla i punti salienti di ogni modello. Sia Kia Niro Hybrid che Opel Grandland appartengono alla stessa categoria SUV Compact, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente anche se con evidenti differenze estetiche, livelli di finitura e/o motorizzazioni.

PRO
Consumi, garanzia, attrezzature, etichetta ECO e ZERO della DGT

CONTRO
Bagagliaio qualcosa di giusto, senza opzioni

Renault Arkana Ibrido

La Renault Arkana è disponibile anche con una meccanica ibrida non plug-in, direttamente ereditata dalla Renault Clio Hybrid.

Con una meccanica ibrida “da quella vera”, la Renault Arkana Hybrid raggiunge livelli più che notevoli di efficienza e prestazioni, ottenendo anche l’etichetta ECO della DGT.

Puoi controllare il nostro confronto dedicato tra la Renault Arkana Hybrid e l’Opel Grandland per scoprire quali sono le sue principali somiglianze e anche le sue principali differenze. Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento SUV Compact troverà nell’Opel Grandland un’alternativa alla Renault Arkana Hybrid, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Design, efficienza del sistema ibrido, attrezzature di serie

CONTRO
Prezzo, peso

Toyota C-HR ibrido

Un crossover ibrido dal design esotico e differenziato che non lascerà nessuno indifferente. L’abitabilità non è tra i suoi punti di forza, ma le molte possibilità di equipaggiamento che lo mettono in testa al suo segmento

Hai anche la Toyota C-HR ibrida disponibile in diverse modalità di acquisto, come la Toyota C-HR ibrida da noleggio a partire da 411 € o tutte le opzioni Toyota C-HR ibrida di seconda mano che ti offriamo, passando per una Toyota C-HR ibrida stock/km0 con fino a 12 mesi e meno di 2000 km.

O lo odi o lo ami, ma la realtà è che il C-HR non passa inosservato. È un’opzione eccellente per coloro che cercano un ibrido modernista che, inoltre, è sorprendentemente efficiente, essendo in grado di offrire medie di consumo reali inferiori a 6 litri in uso normale.

Confronta i punti salienti della Toyota C-HR ibrida e della Opel Mokka nel confronto diretto che ti offriamo. La Toyota C-HR ibrida, più economica dell’Opel Mokka, è uno dei modelli più popolari della sua categoria.

PRO
Estetica devastante, interior design all’avanguardia, piattaforma ibrida

CONTRO
Prezzo un po’ alto, spazio interno molto giusto

Nissan Juke ibrido

La Nissan Juke Hybrid si pone come la variante HEV del SUV giapponese con etichetta ECO e consumi davvero bassi.

La Nissan Juke Hybrid è una scelta eccellente per coloro che vogliono un SUV con etichetta ECO in grado di offrire consumi davvero bassi. Questi sono i suoi due migliori argomenti insieme al funzionamento del sistema ibrido. Tuttavia, un prezzo troppo alto e un cambio con un funzionamento migliorabile fanno sfoiare il tutto.

Ricordate che abbiamo anche un confronto diretto Nissan Juke ibrido vs Opel Mokka-e elettrico in modo da poter controllare i vantaggi e gli svantaggi di ogni modello. Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento SUV Mini troverà nell’Opel Mokka-e elettrica un’alternativa alla Nissan Juke ibrida, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Consumi molto contenuti, funzionamento del sistema ibrido, etichetta ECO

CONTRO
Prezzo elevato, funzionamento del cambio

Subaru XV Ibrido

La Subaru XV è un SUV compatto per coloro che useranno effettivamente la trazione integrale (di serie in tutte le versioni) su terreni scivolosi. La versione ibrida porta ecologia e maggiore piacere di guida

Con il suo approccio, la Subaru XV Hybrid è un crossover molto interessante per tutti coloro che cercano di uscire dal convenzionale con un’auto avanzata, molto attrezzata e con un design che non è, come minimo, classico.

Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento SUV Compact troverà nell’Opel Grandland Hybrid un’alternativa alla Subaru XV Hybrid, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Sistema di trazione integrale permanente, etichetta ECO, altezza libera al suolo, estetica differenziata

CONTRO
Assenza di ruota di scorta, spazio interno giusto, bagagliaio piccolo, prestazioni

Berline

Ultimo ma non meno importante, le berline, un segmento che sta soffrendo l’ira degli altri in cerca della loro eradicazione. Tuttavia, rimangono un’opzione molto plausibile, soprattutto se si considerano tutti i vantaggi che questi offrono e la possibilità di acquistare diversi modelli con motore ibrido.

Toyota Camry Hybrid

La Toyota Camry è la scommessa di Toyota per il mercato delle berline ibride. Il Camry è uno degli storici del marchio, ma non è arrivato in Europa da molto tempo. Lo fa con una meccanica ibrida all’avanguardia, un sacco di attrezzature e molto spazio.

Per coloro che sono alla ricerca di una berlina dal taglio classico con cui fuggire dai SUV e anche alla ricerca di una tecnologia ibrida, la Toyota Camry Hybrid è un’opzione eccellente che, inoltre, riceve l’etichetta ECO della DGT grazie alla sua meccanica.

La Toyota Camry Hybrid, più economica dell’Opel Insignia Grand Sport, è uno dei modelli più popolari nella sua categoria.

PRO
Affidabilità più che contrastata, spazio a bordo, attrezzature di serie

CONTRO
Immagine insulsa, trasmissione con un comportamento “speciale”

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Auto elettriche con maggiore autonomia

Auto elettriche con maggiore autonomia: top 2023

Auto elettriche rapporto qualità-prezzo

Auto elettriche rapporto qualità-prezzo 2023