in

Auto ibride plug-in (PHEV) e non (HEV) 2023

In questa guida all’acquisto abbiamo selezionato le migliori auto ibride plug-in (PHEV) e non (HEV) sul mercato per offrirvi una selezione delle cose più interessanti in vendita sul mercato. Naturalmente, possiamo sempre trovare molti di questi esempi nella nostra guida alle auto ibride più economiche sul mercato, dove raccogliamo modelli sia ibridi non plug-in (HEV) che plug-in (PHEV) ordinati dal più basso al prezzo più alto.

Dai un’occhiata anche alle migliori auto di quest’anno, con il miglior rapporto qualità/prezzo

Poiché l’offerta di ibridi è ampia e sempre più popolare, abbiamo raggruppato le auto in un blocco di auto più familiari e un altro di auto più compatte.

Gli ibridi convenzionali o non plug-in (HEV) recuperano l’energia dalla frenata e la immagazzinano in una batteria di bassa capacità e quindi leggera ed economica, che serve per fermare il motore in tutte le arresti e avviare in modalità elettrica per pochi metri.

Si accontentano dell’etichetta ECO, perché non hanno una sufficiente autonomia elettrica. Puoi sempre optare per uno degli ibridi più economici sul mercato se questa è davvero la tua scelta.

Gli ibridi plug-in hanno un sistema di ibridazione molto più complesso, una batteria più grande, più pesante e costosa, e hanno bisogno di un sistema di ricarica che include un cavo, un trasformatore interno e tutti gli elementi necessari per effettuare una ricarica in una presa. I PHEV sono quindi molto meno efficienti, ma la stragrande maggioranza ottengono l’etichetta ZERO perché hanno poche decine di chilometri di autonomia elettrica.

Auto ibride plug-in (PHEV) e non (HEV): i migliori ibridi non plug-in (HEV) in formato compatto

Questi sarebbero i nostri ibridi preferiti in formato utilitario o compatto. La varietà di prezzi è grande, ma tutti hanno in comune un’alta efficienza e una migliore aerodinamica rispetto ai SUV della sezione precedente, il che significa che sarà ancora più economico fare rifornimento lungo i chilometri.

Renault Clio Hybrid

La Renault Clio ibrida e-Tech è la variante ibrida dell’urbano francese, con una tecnologia all’avanguardia e un sistema ibrido non plug-in che promette di poter circolare in città fino all’80% del tempo in modalità elettrica, offrendo anche un incredibile cambio e un’efficienza con cui far dimenticare ai clienti il diesel.

Con uno dei sistemi ibridi più intelligenti e avanzati sul mercato, la Renault Clio Hybrid dimostra la sua efficienza soprattutto su strade interurbane, dove è in grado di circolare quasi in qualsiasi momento in modalità elettrica senza. che questo significa una diminuzione del comfort o delle prestazioni.

La Renault Clio Hybrid, nonostante sia più costosa dell’Opel Corsa, gode di una maggiore popolarità tra gli acquirenti di questo tipo di veicoli.

PRO
Efficienza, tecnologia, capacità di guida in modalità elettrica, etichetta ECO

CONTRO
Immagine poco differenziata, consumo in città un po’ alto per quello che ci si aspetta

Toyota Yaris Ibrido

Etichetta ECO per un polivalente comodo e interessante per uso urbano. Può avere un sacco di attrezzature, si parcheggia facilmente e si trova pratico

La Toyota Yaris Hybrid è uno dei migliori acquisti per la città: il suo sistema ibrido è estremamente efficiente, offrendo consumi irrisori in quasi tutte le situazioni. Ha anche l’etichetta ECO della DGT.

Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento Utility troverà nell’Opel Corsa-e elettrica un’alternativa alla Toyota Yaris Hybrid, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Silenzio in modalità elettrica, comfort, possibilità di equipaggiamento

CONTRO
Cambio CVT rumoroso nelle accelerazioni, interno qualcosa di giusto, prezzo elevato

Toyota Corolla Hybrid

La nuova Toyota Corolla è un eccellente successore dell’Auris che migliora in termini di design, presentazione, qualità delle finiture e possibilità di equipaggiamento. Offerto esclusivamente con motori ibridi e sempre con una ricca dotazione di serie.

Il riferimento nel segmento dei compatti ibridi rimane questo, un riferimento, un punto da guardare se stiamo cercando un veicolo molto polivalente con consumi di prim’ordine, aggiungendo ora forme e dinamiche molto più attraenti.

La Toyota Corolla Hybrid, più economica della Opel Astra ibrida, è uno dei modelli più popolari nella sua categoria.

PRO
Qualità di completamento, attrezzature di sicurezza, motore 196 CV

CONTRO
Cambio CVT, senza opzioni di personalizzazione

Hyundai Ioniq Hybrid

La Ioniq diventa il primo rivale diretto della Toyota Prius per concetto. Cinque porte, potenza media e bassi consumi ad un prezzo inferiore, con l’extra di avere versioni ibride convenzionali e ibride plug-in con più di 50 chilometri di autonomia elettrica.

Il grande rivale della Toyota Prius è un’eccellente alternativa per coloro che cercano una berlina compatta, con un aspetto convenzionale e attraente e un gruppo propulsore molto efficiente il cui funzionamento, tuttavia, non differisce dal funzionamento di un veicolo tradizionale, potendo optare anche per la variante ibrida plug-in con etichetta ZERO della DGT.

Tra i modelli più popolari del segmento troviamo la Hyundai Ioniq Hybrid, anche se la Opel Astra è anche una delle opzioni più apprezzate.

PRO

Rapporto prezzo/attrezzatura, cambio automatico di tocco piacevole, efficienza in città

CONTRO
Plastiche interne, prestazioni eque

Mazda 2 Hybrid

La Mazda 2 Hybrid arriva come un’opzione parallela alla Mazda 2 convenzionale che mira a fare ancora più senso per affrontare il mondo urbano. Grazie al suo marchio ECO e ai suoi bassi consumi, l’utilitaria giapponese diventa una delle opzioni più interessanti del segmento senza ricorrere a un’auto elettrica.

Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento Utility troverà nell’Opel Corsa-e elettrica un’alternativa alla Mazda 2 ibrida, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Etichetta ECO, consumo, affidabilità meccanica

CONTRO
Sistema di infotainment, più costoso di una Toyota Yaris nonostante sia la stessa auto

Auto ibride plug-in (PHEV) e non (HEV): i migliori ibridi non plug-in (HEV) in formato familiare

In questo gruppo abbiamo inserito tutti i SUV, i minivan e le famiglie a motore ibrido non plug-in, ordinati secondo un criterio di punteggio strettamente editoriale. Sono auto veramente efficienti, ideali per il traffico in città ma adatte anche per grandi viaggi a un costo ragionevole.

Hyundai Tucson Ibrido

La Hyundai Tucson è anche offerta con una versione ibrida convenzionale, con un grande rapporto tra prestazioni e consumo. Il suo funzionamento fluido e l’etichetta ECO gli conferiscono buone qualità familiari. La sua immagine è futuristica, così come il suo interno, ma questo non dovrebbe essere un problema per godere di una delle meccaniche ibride più complete sul mercato, offrendo anche prestazioni più che decenti per un SUV compatto a taglio familiare.

Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento SUV Compact troverà nell’Opel Grandland Hybrid un’alternativa alla Hyundai Tucson Hybrid, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Design molto personale, fluidità di guida, etichetta ECO

CONTRO
Frontale troppo appariscente, modalità elettrica un po’ scarsa

Kia Sportage Hybrid

La Kia Sportage ibrida si afferma come una delle opzioni più interessanti del segmento grazie al suo rapporto qualità-prezzo e alle sue prestazioni.

La Kia Sportage ibrida è una delle opzioni più sensate sul mercato grazie al suo buon rapporto qualità-prezzo, al design innovativo e alla possibilità di optare per l’etichetta ZERO. Tuttavia, è aumentato di più con la sua ultima generazione, e ci siamo imbattuti in alcuni materiali migliorabili dato il prezzo che l’azienda coreana richiede per l’attuale Sportage.

La Kia Sportage ibrida è un’opzione di acquisto più popolare nonostante il suo prezzo elevato rispetto all’Opel Grandland.

PRO
Design innovativo, rapporto qualità-prezzo, con possibilità di etichetta ZERO

CONTRO
È stato più fatto in modo più duro nella sua ultima generazione, alcuni materiali dell’interno

Hyundai Santa Fe Ibrido

La Hyundai Santa Fe si posiziona come l’ammiraglia SUV dell’azienda coreana, offrendo un importante miglioramento nella tecnologia, nel design, nelle finiture e nel comportamento. Senza dubbio una delle opzioni più sensate sul mercato avvolta da una gamma di opzioni meccaniche molto interessanti.

La Hyundai Santa Fe si afferma come una delle opzioni più sensate del segmento offrendo una finitura di finitura sostanzialmente migliore di quella di altri marchi generalisti, una sezione tecnologica estremamente avanzata e un cast di motori disposti a coprire le esigenze di qualsiasi profilo di cliente.

Tuttavia, non potrebbe essere classificato come un SUV premium nonostante si avvicini pericolosamente, anche se si posiziona al di sopra di alcuni dei suoi rivali più diretti, come la SEAT Tarraco. Tuttavia, il suo prezzo è un po’ alto e farà sì che la bilancia possa essere inclinata prima per una Volvo XC60 o una BMW X5.

Anche se il prezzo della Hyundai Santa Fe Hybrid è leggermente superiore a quello della Peugeot 5008, anche la sua valutazione complessiva è superiore, quindi i nostri esperti lo valutano in modo superiore.

PRO
Arsenal tecnologico, comfort in movimento, miglioramento delle finiture

CONTRO
Prezzo elevato per quello che cerca un cliente in Hyundai

Kia Sorento Ibrido

La KIA Sorento si distingue per le dimensioni generose della sua carrozzeria, in grado di ospitare senza ristrettemente 7 passeggeri a bordo. È disponibile in versioni ibride convenzionali e ibride plug-in, con etichette ECO e ZERO della DGT rispettivamente.

Il Sorento nella sua versione ibrida è particolarmente appropriato per quei clienti che cercano un SUV di grandi dimensioni con un certo livello di elettrificazione, anche se grazie all’opzione della versione ibrida plug-in è possibile sceglierlo già con l’etichetta ZERO e più di 50 chilometri di autonomia elettrica al 100%.

Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento SUV Grande troverà nella Peugeot 5008 un’alternativa alla Kia Sorento Hybrid, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Qualità costruttiva, attrezzature, meccaniche avanzate, rapporto qualità-prezzo

CONTRO
Molti rivali, prezzo un po’ alto per la maggior parte dei clienti che cercano una KIA

Auto ibride plug-in (PHEV) e non (HEV): le migliori berline ibride non plug-in (HEV)

Queste sarebbero le nostre berline ibride più apprezzate, ordinate dalle nostre stelle di punteggio. In questo caso la gamma è molto ampia in termini di prezzi e dimensioni, ma tutte hanno in comune il formato a tre volumi più classico, la migliore aerodinamica sul mercato e un’altissima efficienza sia in città che su strada.

Toyota Corolla Hybrid

La nuova Toyota Corolla è un eccellente successore dell’Auris che migliora in termini di design, presentazione, qualità delle finiture e possibilità di equipaggiamento. Offerto esclusivamente con motori ibridi e sempre con una ricca dotazione di serie.

Il riferimento nel segmento dei compatti ibridi rimane questo, un riferimento, un punto da guardare se stiamo cercando un veicolo molto polivalente con consumi di prim’ordine, aggiungendo ora forme e dinamiche molto più attraenti.

La Toyota Corolla Hybrid, più economica della Opel Astra ibrida, è uno dei modelli più popolari nella sua categoria.

PRO
Qualità di completamento, attrezzature di sicurezza, motore 196 CV

CONTRO
Cambio CVT, senza opzioni di personalizzazione

Toyota Camry Hybrid

La Toyota Camry è la scommessa di Toyota per il mercato delle berline ibride. Il Camry è uno degli storici del marchio, ma non è arrivato in Europa da molto tempo. Lo fa con una meccanica ibrida all’avanguardia, un sacco di attrezzature e molto spazio.

Per coloro che sono alla ricerca di una berlina dal taglio classico con cui fuggire dai SUV e anche alla ricerca di una tecnologia ibrida, la Toyota Camry Hybrid è un’opzione eccellente che, inoltre, riceve l’etichetta ECO della DGT grazie alla sua meccanica.

La Toyota Camry Hybrid, più economica dell’Opel Insignia Grand Sport, è uno dei modelli più popolari nella sua categoria.

PRO
Affidabilità più che contrastata, spazio a bordo, attrezzature di serie

CONTRO
Immagine insulsa, trasmissione con un comportamento “speciale”

Lexus LS ibrido

Non sapevi che questa auto esistesse, ma la Lexus LS offre design, qualità, tecnologia ed efficienza senza dimenticare l’esclusività. Rivaleggia con i più classici A8, Serie 7 e Classe S tedeschi fornendo un approccio chiaramente differenziato. Il cliente che vuole acquistare un veicolo del segmento Berlina Segmento E Rappresentanza troverà nell’Audi A8 un’alternativa alla Lexus LS ibrida, che consideriamo il suo rivale più chiaro.

PRO
Comfort e silenzio di marcia, efficienza in città, qualità costruttiva

CONTRO
Prezzo elevato, gamma meccanica limitata

Abbiamo anche voluto fare una lista dei migliori ibridi plug-in (PHEV) sul mercato seguendo gli stessi modelli dei dipendenti per gli ibridi non plug-in (HEV). In questo modo, possiamo distinguere le grandi differenze tra i due gruppi nonostante si tratti di veicoli dello stesso segmento.

Auto ibride plug-in (PHEV) e non (HEV): i migliori ibridi plug-in (PHEV) in formato compatto

Renault Captur Hybrid

Renault Captur Hybrid: si distingue per un consumo medio inferiore rispetto alle rivali

La Renault Captur ora gode di una variante ibrida plug-in con la quale ottiene diversi vantaggi come l’etichetta ZERO della DGT o la possibilità di percorrere più di 40 km senza utilizzare benzina. L’opzione ibrida semplice con 145 CV ha l’etichetta ECO Scopri tutte le caratteristiche di Renault Captur Hybrid

Come una Renault Captur tradizionale, ma con una meccanica più evoluta: la base da 145 CV con meccanica ibrida semplice o la versione PHEV con ibrida da 160 CV che può percorrere più di 50 chilometri in modalità 100% elettrica. Ricevono rispettivamente l’etichetta ECO e ZERO dalla DGT.

Affinché tu possa apprezzare meglio le differenze e le somiglianze tra Renault Captur Híbrido e Opel Crossland , hai a tua disposizione il nostro eccezionale confronto in cui puoi farlo rapidamente e facilmente. La Renault Captur Hybrid è un’opzione di acquisto più popolare nonostante il suo prezzo elevato rispetto alla Opel Crossland.

PRO: Efficienza, etichetta ZERO ed ECO, consumi, attrezzature

CONTRO: Riduzione del tronco, necessità di trovare punti di ricarica per sfruttarne le potenzialità

Peugeot 308 Hybrid

Peugeot 308 ibrida: la compatta di Peugeot: con un approccio molto ecologico

L’ibrido Peugeot 308 offre un cambiamento radicale a tutto ciò che è noto nei prodotti Peugeot per design e qualità.Puoi controllare qui tutti i dati dell’ibrido Peugeot 308

Come se non bastasse, puoi dare un’occhiata al confronto tra la Peugeot 308 ibrida e la Opel Astra per vedere quali sono i punti chiave di ciascun modello. La Peugeot 308 ibrida, più economica della Opel Astra, è uno dei modelli più apprezzati della sua categoria.

PRO: Eccezionale sensazione di guida, gamma di motori, qualità costruttiva, etichetta ZERO

CONTRO: Sedili posteriori discreti, prezzi alti

Cupra Lion Hybrid

Cupra León hybrid: la compatta Cupra, un modello divertente e agile da guidare

La quarta generazione della Leon debutta con il logo Cupra e una più ampia gamma di motori con cui raggiungere un maggior numero di interessati. Per la prima volta ci sarà un’alternativa con un motore ibrido e un’etichetta ZERO dal DGT Puoi controllare qui tutte le informazioni sull’ibrido Cupra León

Confronta i punti salienti dell’ibrido Cupra León e della Ford Mustang nel confronto diretto che ti offriamo. Sia Cupra León hybrid che Ford Mustang appartengono alla stessa categoria Sport tra 25.000 e 40.000 euro, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente seppur con evidenti differenze estetiche, allestimenti e/o motorizzazioni.

PRO: Gamma motori, equipaggiamento disponibile

CONTRO: Prezzi alti, dettagli di finitura

Renault Megane Hybrid

La Renault Mégane ibrida è una veterana del segmento delle compatte, ma resta comunque un veicolo interessante se si cerca un’auto elegante e affidabile che però non può offrire le ultime tecnologie a causa della sua età. Scopri tutte le caratteristiche della Renault Mégane Hybrid

Sebbene la potenza combinata del sistema ibrido plug-in della Renault Mégane ibrida non sia molto ingombrante, è sufficiente per offrire prestazioni adeguate per la quotidianità insieme a un’immagine piacevole ma non particolarmente appariscente.

Ti offriamo anche un confronto diretto tra Renault Mégane Híbrido e Opel Astra in modo che tu possa analizzare le somiglianze e le differenze tra loro. Sia Renault Mégane Hybrid che Opel Astra appartengono alla stessa categoria Compact, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente seppur con evidenti differenze estetiche, allestimenti e/o motorizzazioni.

PRO: Funzionamento regolare, efficienza, etichetta ZERO

CONTRO: Immagine un po’ datata, mancanza di tecnologie applicate alla guida

SEAT Leon Hybrid

SEAT León Híbrido: si distingue per un consumo medio inferiore rispetto alle rivali

La SEAT León debutta per la prima volta con una versione ibrida plug-in che consente di percorrere più di 40 chilometri in modalità 100% elettrica, essendo la prima SEAT León della storia con un’etichetta ZERO. Scopri tutte le caratteristiche della SEAT León Hybrid

Con la sua meccanica ibrida plug-in, la León Híbrido supera i 200 CV, offrendo così dinamiche di guida e prestazioni molto interessanti, che la rendono una vera e propria “total car” per gli utenti che cercano un modello con cui coprire tutte le loro esigenze automobilistiche.

Puoi consultare il nostro confronto dedicato tra la SEAT León Hybrid e la Opel Astra per scoprire quali sono le loro principali somiglianze e anche le loro principali differenze. Il cliente che desidera acquistare un veicolo del segmento compatto troverà nella Opel Astra un’alternativa alla SEAT León Hybrid, che consideriamo la sua rivale più evidente.

PRO: Design, miglioramento della qualità, dinamica di guida

CONTRO: Prezzo, maggior peso rispetto alle versioni normali

Auto ibride plug-in (PHEV) e non (HEV): i migliori ibridi plug-in (PHEV) in formato familiare

Volvo V90 Hybrid

Volvo V90 Hybrid: la grande station wagon premium di Volvo con un prezzo sopra la media

La Volvo V90 Hybrid è una fantastica station wagon di lusso con motore ibrido plug-in. È un’auto enorme che si distingue per la sua spaziosità e il comfort interno, ma soprattutto per il suo design minimalista in stile scandinavo. La sua qualità costruttiva e l’estetica da berlina si abbinano perfettamente al funzionamento silenzioso della modalità elettrica. Ovviamente, una volta scaricata la batteria, il motore a benzina 4 cilindri consuma come un V8 per poter spostare l’enorme zavorra di batterie che deve trascinare e può diventare un vero rudere se lo usiamo per viaggiare. Puoi controllare qui tutti i dati della Volvo V90 Hybrid

Se vuoi il meglio del meglio in termini di famiglia Volvo, la Volvo V90 è la risposta. Se la vuoi anche con etichetta ZERO della DGT, la risposta alle tue preghiere è la Volvo V90 Plug-in Hybrid che, sì, dovrai ricaricare ogni notte se non vuoi spendere più benzina di quanto immagini a la fine del mese.

Ti offriamo anche un confronto diretto tra Volvo V90 Hybrid e Volvo V90 in modo che tu possa analizzare le somiglianze e le differenze tra loro. Il cliente che desidera acquistare un veicolo della Segment E Premium Family Sedan troverà nella Volvo V90 un’alternativa alla Volvo V90 Hybrid, che consideriamo la sua più evidente rivale.

PRO: Comfort, silenzio, qualità, spazio interno, design generale

CONTRO: La modalità elettrica ha senso in città, ma un’auto così grande no. L’auto ha senso sulla strada, ma un ibrido plug-in no.

Kia Xceed Hybrid

Kia Xceed Hybrid: senza dubbio il suv di medie dimensioni per chi ama un personaggio avventuroso

Il Kia X-Ceed è la versione crossover della Kia Ceed, da cui deriva direttamente, con una versione ibrida plug-in che consente di moltiplicarne la versatilità e l’utilizzo, soprattutto nei caschi urbani Vedi gamma e prezzi Kia Xceed Hybrid

KIA propone la Xceed come risposta a quei clienti che cercano un modello crossover dall’estetica sportiva e avventurosa ma che, grazie alle sue dimensioni e al suo aspetto, non sia troppo lontano da ciò che rappresenta una classica compatta, pur mantenendo gli interni di suo fratello la Kia Ceed, offrendo il plus della meccanica ibrida plug-in con l’etichetta DGT ZERO.

Puoi consultare il nostro confronto dedicato tra la Kia Xceed Hybrid e la Opel Grandland Hybrid per scoprire quali sono le loro principali somiglianze e anche le loro principali differenze. Tra i modelli più popolari del segmento troviamo la Kia Xceed Hybrid, anche se Opel Grandland Hybrid è anche una delle opzioni più apprezzate.

PRO: Immagine differenziata, equipaggiamento, etichetta ZERO della DGT

CONTRO: Peso elevato, bagagliaio più basso rispetto alla variante con motore termico

Auto ibride plug-in (PHEV) e non (HEV): le migliori berline ibride plug-in (PHEV)

Toyota Prius Hybrid

Toyota Prius Hybrid: un’ottima opzione se stai cercando una berlina con profilo ECO

La Toyota Prius, pioniera nel campo della mobilità ibrida, si evolve per diventare una berlina compatta con tecnologia ibrida plug-in Se sei interessato, puoi dare un’occhiata a tutte le informazioni sulla Toyota Prius Hybrid

La Toyota Prius Hybrid non è più un ibrido da utilizzare, ma è diventata un veicolo ibrido plug-in con cui è in grado di percorrere decine e decine di chilometri in modalità elettrica, ricevendo così l’etichetta ZERO dalla DGT.

Come se non bastasse, puoi dare un’occhiata al confronto tra la Toyota Prius Hybrid e l’Opel Astra per vedere quali sono i punti chiave di ciascun modello. Sia Toyota Prius Hybrid che Opel Astra appartengono alla stessa categoria Compact, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente seppur con evidenti differenze estetiche, allestimenti e/o motorizzazioni.

PRO: Attrezzature, efficienza in ogni situazione, etichetta ZERO

CONTRO: Design molto personale, interni dalle linee non convenzionali

Skoda Superb Hybrid

Skoda Superb Hybrid: la berlina per chi vuole fare un passo in meno alla stazione di servizio

La berlina più grande di Skoda è anche una delle più interessanti, soprattutto nella sua versione ibrida, che riceve l’etichetta ZERO dalla DGT e consente di ridurre i consumi negli spostamenti urbani. Guarda la gamma e i prezzi della Skoda Superb Hybrid

Le varianti ibride plug-in della Skoda Superb ricevono l’etichetta ZERO dalla DGT, che le rende ideali per la guida in città se non per le loro grandi dimensioni. Tuttavia, la Superb è ancora un ottimo veicolo per chilometraggio elevato con un comfort eccezionale a un costo non così elevato come ci si aspetterebbe da una berlina così grande e ben attrezzata.

Ricorda che abbiamo anche un confronto diretto Skoda Superb Hybrid vs Opel Insignia Grand Sport in modo da poter verificare i vantaggi e gli svantaggi di ciascun modello. Il cliente che desidera acquistare un veicolo del segmento berlina troverà nella Opel Insignia Grand Sport un’alternativa alla Skoda Superb Hybrid, che consideriamo la sua rivale più evidente.

PRO: Spazio a bordo, tecnologia comfort, motore ibrido plug-in ad alta efficienza

CONTRO: Design noioso, guida blanda

Skoda Octavia Hybrid

Skoda Octavia Hybrid: un’ottima opzione se stai cercando una berlina con profilo ECO

La Skoda Octavia Hybrid è il mix perfetto tra un veicolo elegante, ben rifinito. e con una buona attrezzatura e un veicolo efficiente ed ecologico. Se sei interessato puoi dare un’occhiata a tutte le informazioni sulla Skoda Octavia Hybrid

Le versioni ibride plug-in della Skoda Octavia si presentano come un’alternativa eccezionale per chi cerca un valore sicuro come Octavia, ma condito con un buon livello di carico tecnologico e, soprattutto, un powertrain di nuova generazione con cui per andare oltre 50 chilometri in modalità 100% elettrica.

Ti offriamo anche un confronto diretto tra Skoda Octavia Hybrid e Opel Insignia Grand Sport in modo che tu possa analizzare le somiglianze e le differenze tra loro. Sia Skoda Octavia Hybrid che Opel Insignia Grand Sport appartengono alla stessa categoria Berlina, sono opzioni di acquisto rivolte allo stesso utente seppur con evidenti differenze estetiche, allestimenti e/o motorizzazioni.

PRO: Etichetta ZERO, design, finiture, rapporto qualità prezzo

CONTRO: Dettagli finali, guida un po’ noiosa

Peugeot 508 Hybrid

Peugeot 508 Hybrid: La berlina Peugeot: con un approccio molto ecologico

La Peugeot 508 è disponibile anche nelle versioni ibride plug-in, sempre con motore a benzina, con diverse potenze che vanno dai 225 CV ai 300 CV. Vedi gamma e prezzi della Peugeot 508 Hybrid

Ricorda che hai a disposizione anche una Peugeot 508 Hybrid per il noleggio a partire da € 567 e altre opzioni di acquisto come un’interessante Peugeot 508 Hybrid da stock/km0 fino a 12 mesi e non più di 2000 km, oppure l’opzione più economica, la Peugeot 508 Ibrido di usato .

Una delle berline più accattivanti per design e qualità costruttiva, disponibile anche nelle versioni ibride plug-in con cui migliorare l’efficienza e ricevere l’etichetta ZERO dalla DGT.

Puoi consultare il nostro confronto dedicato tra la Peugeot 508 Hybrid e la Opel Insignia Grand Sport per scoprire quali sono le loro principali somiglianze e anche le loro principali differenze. Sebbene il prezzo della Peugeot 508 Hybrid sia leggermente superiore a quello della Opel Insignia Grand Sport, anche la sua valutazione complessiva è più elevata, motivo per cui i nostri esperti la valutano di più.

PRO: Design, qualità costruttiva, meccanica ibrida plug-in, etichetta ZERO

CONTRO: Peso, consumo con batteria scarica

Volkswagen Passat GTE Hybrid

Volkswagen Passat GTE ibrida: una berlina dal profilo più attraente

La Volkswagen Passat GTE cerca di offrire sportività ed efficienza nelle mani di un sistema ibrido ad alte prestazioni. In questo modo, la berlina tedesca utilizza una serie di aspetti ispirati ai modelli GTI del marchio ma abbinati a caratteristiche di un ibrido plug-in. Se sei interessato puoi dare un’occhiata a tutte le informazioni sulla Volkswagen Passat GTE ibrida

La Volkswagen Passat GTE è una berlina ibrida plug-in sportiva. Questo avviene attraverso una configurazione molto simile a quella di una Golf GTI ma abbinata a un sistema meccanico che è anche elettrico. Soffre però in alcuni aspetti come un design poco differenziato dalle altre versioni, alcune lievi regolazioni e un prezzo estremamente elevato.

PRO: Label ZERO, autonomia in modalità elettrica

CONTRO: Design poco differenziante, alcune modifiche, prezzo

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Auto elettriche rapporto qualità-prezzo

Auto elettriche rapporto qualità-prezzo 2023

Auto elettriche a ricarica veloce

Auto elettriche a ricarica veloce nel 2023